30.08.2015  08:08

Dal Valdarno in Scozia per rappresentare l'Italia: l’Associazione Culturale San Quirico Archeologia unica italiana al meeting internazionale di Glasgow

di Federica Crini
La fiera internazionale sull'archeologia si terrà a Glasgow, in Scozia, dal 2 al 5 settembre. Unica partecipante italiana sarà l'associazione che si occupa delle rovine e degli scavi della pieve di San Quirico in Alfiano, nei pressi di Castiglion Fibocchi

commenti

Leggi gli Speciali:  Valdarno da riscoprire

Data della notizia:  30.08.2015  08:08

Dal 2 al 5 settembre l’Associazione Culturale San Quirico Archeologia sarà l’unica rappresentante italiana al 21° meeting internazionale dell’European Association of Archaeologists, che si svolgerà a Glasgow, in Scozia. “Si tratta di un’importante fiera internazionale sull’archeologia e soprattutto un modo per farsi conoscere, dato che saremo gli unici provenienti dall’Italia”, spiega Salvatore.
 
L’associazione è nata circa due anni fa per curare le ricerche storiche e promuovere le informazioni relative alle rovine della Pieve di San Quirico in Alfiano, nota anche con il nome di San Quirico Soprarno, situata nei pressi di Castiglion Fibocchi. L’edificio sacro risale probabilmente al periodo paleocristiano e appare per la prima volta in documenti che risalgono al 1131.

Il gruppo, formato da archeologi, professionisti e appassionati, ha portato avanti alcuni sondaggi e lavori sul sito, con la scoperta di nuovi reperti. Tra questi un vaso con giglio fiorentino, un cerchio in pietra arenaria con rappresentato un fiore delle Alpi, disegno tipico pagano. Un'attività resa possibile dal contributo economico del comune di Castiglion Fibocchi, dell'Unione dei Comuni del Pratomagno e di alcune associazioni di Castiglion Fibocchi.
 
Adesso la soddisfazione di essere presenti a Glasgow in uno stand all'interno della manifestazione, con brochure, libretti esplicativi e manifesti per pubblicizzare il sito e il territorio di Castiglion Fibocchi. “Abbiamo commissionato due video promozionali: uno eseguito con il drone, l'altro invece più specifico sullo scavo. Inoltre a breve dovremmo avviare una campagna di crowdfunding, in funzione di alcune migliorie da apportare all'interno del sito. È la prima volta che partecipiamo a una fiera del genere, vedremo cosa ci aspetterà”.

In allegato i due video gentilmente concessi dall'Associazione: uno effettuato dal drone sul sito archeologico, realizzato da Flaviano Mogavero e Marco Grillo. L'altro con riprese e montaggio di Davide Castagnetti.
 

Cultura

 
comments powered by Disqus