03.11.2011  13:28

L'Aquila verso il fallimento

di Andrea Tani
Il giudice Crolla si riserva di decidere sulle istanze di fallimento, liquidazione a un passo. Assente la Perez. Il sindaco è pronto a incontrare tifosi e forze imprenditoriali. Domenica contro il Gracciano potrebbe essere l'ultima partita del Montevarchi calcio.


I rossoblù salutano il pubblico del Brilli Peri. Potrebbe essere una delle ultime partite dell'Aquila.

commenti

Leggi i Dossier:  L'ultimo volo dell'Aquila

Data della notizia:  03.11.2011  13:28

Ultimi, tristi giorni di un volo lungo 109 anni per l’Aquila Montevarchi. Il giudice Cosmo Crolla si è preso la riserva di decidere in merito alle istanze fallimentari a carico della società rossoblù al termine dell’udienza tenuta stamani al Tribunale di Arezzo. Una prassi che quasi sempre prelude alla liquidazione del soggetto insolvente. Tutto lascia presagire che entro la metà della prossima settimana potrebbe essere ufficializzata la morte giuridica della società rossoblù.

L’udienza di questa mattina sarebbe dovuta servire a discutere e ratificare il piano di rientro del debito proposto dalla società lo scorso 22 settembre, prima dell’ultimo rinvio. Né Angela Perez (che appena ieri predicava ottimismo), né nessun altro rappresentante della precedente gestione aquilotta si è presentato in aula, come a far capire che da parte loro si è gettata la spugna. C’erano invece i legali dei creditori: quelli della struttura alberghiera che ha da riscuotere la somma più alta tra tutti, quelli degli ex-giocatori rossoblù Sala, Leto, Bruni e Mobili e di due società calcistiche.

Il giudice Crolla (che curiosamente vanta un passato calcistico ad alti livelli) ha dunque ritenuto di riservare la decisione alla Camera di consiglio: adesso si passa ad una verifica formale che serve ad esaminare la regolarità tecnica e di procedura delle istanze e che in genere richiede due o tre giorni per essere completata. Poi, la prossima settimana, il giudice stesso depositerà l’ordinanza che contiene la sua decisione.

Sembra che ormai ci sia poco da fare per l’Aquila. Cosa ne sarà dunque del calcio montevarchino? La legge consente a un soggetto curatore di farsi carico della gestione provvisoria portando a termine il campionato, per poi magari rilevarne i simboli in vista di una successiva incarnazione. Difficile però dire se al momento ci sia qualcuno disposto a farlo, e resta in ballo il rischio che i rossoblù si debbano ritirare dal torneo prima della fine del girone di andata, col conseguente annullamento di tutti i risultati conseguiti dagli avversari e un girone ridotto a 17 squadre.

Il sindaco Francesco Maria Grasso ha confermato poco dopo il termine dell’udienza di esser pronto a farsi promotore di un progetto di rilancio che possa coagulare le migliori forze economiche e imprenditoriali montevarchine per salvare il salvabile e ripartire dalla prossima stagione con la credibilità che da troppo tempo si è persa completamente. I primi incontri con i soggetti interessati e con i tifosi potrebbero tenersi già nel pomeriggio.

L’unica certezza è che la gara di domenica al Brilli Peri contro il Gracciano è ancora regolarmente in programma. Lo spirito col quale i giocatori – quelli rimasti – scenderanno in campo alla luce dei fatti di oggi è meglio non cercare di immaginarlo. Resta il fatto che quella del 6 novembre 2011 potrebbe essere l’ultima gara ufficiale del Montevarchi calcio Aquila 1902.

Sport

 
comments powered by Disqus
Julian Carax
Un.Dici
“Vorrei scrivere qualcosa di poco banale sull’ultima fati...
Alessio Bigini
Alessio Bigini Software/Electro Lab
Ciao a tutti, in questo articolo andremo a recensire un n...
Roberto Riviello
Controcorrente
L’approssimarsi delle elezioni europee ha riacceso ...