25.11.2011  16:38

L'Aquila riparte dall'Audax. Domenica la prima?

di Andrea Tani
Il primo obiettivo è salvare la Seconda categoria per ripartire a giugno con la nuova denominazione "Cs Aquila 1902". Si giocherà al Brilli Peri.


commenti

Leggi i Dossier:  L'ultimo volo dell'Aquila

Data della notizia:  25.11.2011  16:38

Appena tolta loro malgrado una casacca rossoblù, mister Arcadio e i giocatori dell’ex-Aquila sono pronti a indossarne subito un’altra, quella dell’Audax Montevarchi. Più che un’ipotesi, una realtà che si sta concretizzando in queste ore: gli ex tesserati hanno accettato di sposare il progetto di rinascita del calcio montevarchino e il Cs Aquila 1902 fresco di fondazione, seppur con un'altra denominazione, è pronto a scendere in campo già da domenica.

Lo svincolo di tutti i tesserati dell’Aquila disposto ieri sera dal Comitato regionale della Figc è ha dato il via libera a questa suggestiva idea. I tempi sono ristretti, forse troppo, ma ci si prova. L’accordo di massima con i giocatori e con il mister Antonio Arcadio c’è. Verrà ratificato nel pomeriggio, ma pare che la maggioranza degli ex-aquilotti abbia già accettato di confluire nell’organico dell’Audax Montevarchi, la società che da anni porta avanti un egregio lavoro sul settore giovanile abbandonato dalle passate gestioni dell’Aquila.

Sarebbe dovuta servire da punto di ripartenza per l’attività junior, ma avendo anche una prima squadra che partecipa al campionato di Seconda categoria e vista l’esclusione del Montevarchi dal torneo di Eccellenza, l’Audax sarà la base d’appoggio anche a livello senior.

L’obiettivo è quello di salvare la categoria – la squadra non naviga in buone acque, al momento è penultima – in modo tale da bruciare una tappa sulla tabella di marcia che altrimenti costringerebbe la nuova società ad iniziare nella prossima stagione dalla Terza categoria. Domani mattina i tesseramenti verranno portati in Federazione e, se le regole e i tempi burocratici lo consentiranno, la nuova  squadra sarà in campo già domenica in casa contro lo Strada. Altrimenti l’esordio slitterà al 4 dicembre per il derby della Traiana.

In ogni caso le partite interne d’ora in poi si giocheranno al Brilli Peri.

Resta aperta la questione della ragione sociale: una prima ipotesi prevedeva di assumere la nuova denominazione ‘Cs Aquila 1902’ il prima possibile. Le norme federali non consentono però fusioni o sostituzioni societarie né cambi di nome in corsa e per l’esordio ufficiale del nuovo sodalizio si dovrà dunque aspettare l’inizio di giugno.

In serata è prevista anche la prima riunione operativa dei 24 soci fondatori del Cs Aquila 1902. A un mese dal fallimento e un giorno dalla radiazione, l’Aquila si è già rimessa in piedi e in questi giorni proverà a spiccare il primo volo.

Sport

 
comments powered by Disqus