30.10.2016  15:53

L'acqua e il fango per le strade, i danni a case e aziende: ecco le foto che raccontano l'alluvione del '66 a Montevarchi

di Glenda Venturini
Dal 5 novembre saranno protagoniste dell'esposizione "Montevarchi - L’alluvione del 3-4 novembre 1966", al Chiostro di Cennano. Valdarnopost ve ne mostra alcune in anteprima, realizzate nel 1966 da Gastone Rotesi e Leonello Picchioni. Immagini che raccontano la devastazione di quei giorni


1966, 4 Novembre - danni alluvione - Via Roma Ph. Leonello Picchioni - Arch Massimo Anselmi

Sono le immagini che, meglio di ogni parola, riescono ancora a raccontare l'alluvione del 1966 a Montevarchi. Quelle che Valdarnopost vi mostra in anteprima faranno parte della Mostra Fotografica “Montevarchi - L’alluvione del 3 e 4 Novembre 1966” che sarà inaugurata, in occasione del 50° anniversario dell’evento, sabato 5 novembre alle ore 18 al Chiostro di Cennano, in seguito all'evento organizzato dall’Accademia Valdarnese del Poggio “Cambiamenti climatici e gestione del territorio” che avrà inizio alle 15,30.

La mostra, curata da Massimo Anselmi e da Enzo Righeschi (che ringraziamo per averci messo a disposizione alcuni di questi scatti) ripercorrerà con un'ottantina di fotografie, corredate da pagine di giornale e documenti vari, quei drammatici giorni in cui Montevarchi e Levane furono messe a dura prova dalla esondazione dei torrenti Dogana, Giglio, Ambra e Caposelvi.

 

1996 3 Novembre Alluvione a Montevarchi - Ph. Gastone Rotesi - Arch. Comune Montevarchi1996, 3 Novembre: Alluvione a Montevarchi - Ph. Gastone Rotesi - Arch. Comune Montevarchi 

 

Alcune delle fotografie furono scattate da Gastone Rotesi, e ora fanno parte dell’Archivio Fotografico del Comune di Montevarchi; altre, invece, da Leonello Picchioni, socio dell’Associazione Fotoamatori F. Mochi, e oggi fanno parte dell'archivio digitale curato da Anselmi. In passato sono state utilizzate anche per il libro “1966 - L’alluvione a Montevarchi” pubblicato dall’Archivio Fotografico Fratelli Rotesi e da Fulvio Bernacchioni.

 

1966 4 Novembre  - Ponte Giglio - Torrente in piena -  Ph Leonello Picchioni Arch. Massimo Anselmi

1966, 4 Novembre  - Ponte Giglio - Torrente in piena -  Ph Leonello Picchioni Arch. Massimo Anselmi

Furono appunto il Giglio, il Dogana, l'Ambra e gli altri corsi d'acqua minori a inondare Levane e Montevarchi. Le cronache di allora raccontano di strade impraticabili, negozi andati distrutti, fabbriche e magazzini inondati da acqua e fango, tra cui i cappellifici e i pelifici che erano una eccellenza montevarchina e levanese. 

 

1996 3 Novembre Fabbrica di levane devarstata dall'Ambra Ph. Gastone Rotesi - Arch. Comune Montevarchi 1996 3 Novembre Fabbrica di levane devarstata dall'Ambra Ph. Gastone Rotesi - Arch. Comune Montevarchi 

Si stima che i danni si attestarono sopra ai due miliardi e mezzo di lire. Oltre un miliardo, secondo quanto riportava La Nazione di allora, soltanto per opere pubbliche: argini rotti, strade devastate, ponti crollati. Il resto furono invece i danni accumulati dai privati: abitaizoni e aziende. 

 

1996, 4 Novembre - camion sprofondato sul ponte del Torrente Gigio in Viale Diaz - Ph. Gastone Rotesi - Arch. Comune Montevarchi1996, 4 Novembre - camion sprofondato sul ponte del Torrente Gigio in Viale Diaz - Ph. Gastone Rotesi - Arch. Comune Montevarchi

 

Cronaca / Cultura

 
comments powered by Disqus