09.06.2016  17:52

Il Centro di Geotecnologie tiene in Tunisia i suoi corsi internazionali specialistici

di Monica Campani
Dottorandi, tecnici e ricercatori tunisini e algerini hanno partecipato ai corsi specialistici di geostatistica e di geoelettrica nell'ambito del progetto Europeo WADIS-MAR in Tunisia


commenti

Data della notizia:  09.06.2016  17:52

Gestione sostenibile delle risorse idriche nelle aree aride del Maghereb: il Centro di Geotecnologie tiene in Tunisia i suoi corsi internazionali specialistici. Dottorandi, tecnici e ricercatori tunisini e algerini hanno partecipato ai corsi specialistici di geostatistica e di geoelettrica nell'ambito del progetto Europeo WADIS-MAR.



Si sono conclusi nei giorni scorsi a Zarzis, in Tunisia, due corsi internazionali specialistici organizzati dal Centro di Geotecnologie dell’Università di Siena sulla gestione sostenibile e integrata delle risorse idriche e l'agricoltura nelle zone aride e semiaride, che caratterizzano gran  parte della Tunisia e dell'Algeria.

Le lezioni sono state tenute dai ricercatori Enrico Guastaldi e Tommaso Colonna nell’ambito del progetto europeo WADIS-MAR (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in Maghreb Regions), che si concluderà nei prossimi mesi. Hanno partecipato ai corsi una ventina tra dottorandi, tecnici e ricercatori provenienti da università e istituzioni tunisine e algerine, partner del progetto WADIS-MAR. Durante le lezioni sono stati affrontati i principali temi riguardanti la geostatistica applicata all’idrogeologia e all’ambiente e la geoelettrica applicata alla ricerca delle risorse idriche sotterranee.

Cultura

 
comments powered by Disqus
Alessio Bigini
Alessio Bigini Software/Electro Lab
Ciao a tutti, in questo breve articolo, vi mostro alcune ...
Roberto Riviello
Controcorrente
La professoressa palermitana Rosa Maria Dell’Aria h...
Julian Carax
Un.Dici
Non è un lavoro da poco quello portato a termine da Flavi...
Arbër Agalliu Aga
Paroleincrociate
SALVINI vs. FERRAGNI Secondo la Repubblica il nostro caro...