06.03.2016  12:51

Il Botticelli 'nascosto' fu eseguito per Montevarchi: era collocato nella Chiesa di San Lodovico a Cennano

di Glenda Venturini
Il caso dell'Incoronazione della Vergine sta facendo discutere in questi giorni: l'opera si trova infatti in una Villa di proprietà della Regione, ma non accessibile al pubblico. Quell'olio su tela di fine '400 fu commissionato a Botticelli da Montevarchi, dove rimase almeno fino all'inizio dell'800


commenti

Data della notizia:  06.03.2016  11:40  /  Ultimo aggiornamento:  06.03.2016  12:51

C'è un'opera di Botticelli, una "Incoronazione della Vergine", che si trova custodita da alcuni anni a Villa La Quiete, immobile fiorentino prima dell'Università, poi passato in proprietà alla Regione. Ma quell'olio su tela, realizzato a fine 1400, non è visibile al pubblico, al pari di altre opere che si trovano nello stesso magazzino: ed è un caso sollevato in questi giorni da La Nazione, che sta facendo molto discutere. 

In pochi sanno che, però, quell'opera fu commissionata a Montevarchi, dove rimase per molto tempo. "Eseguita per Montevarchi, la tavola è specchio del percorso botticelliano maturato nel clima turbato della Firenze di fine secolo", si legge nel catalogo "Denaro e Bellezza". E di questa vicenda aveva parlato, a novembre scorso, anche la dotoressa Cristina Acidini, che fino al 2014 è stata Sovrintendente al Polo Museale di Firenze, durante una conferenza dal titolo "Botticelli tardo e un'ipotesi di committenza medicea" all'Accademia del Poggio.

Originariamente, il dipinto fu collocato nella chiesa di San Lodovico, l'attuale chiesa di Sant’Andrea a Cennano: poi l’opera fu sequestrata alla chiesa montevarchina durante le soppressioni napoleoniche dei primi del 1800, e fu allora inviato ai depositi fiorentini.

E' stato il professor Silvano Del Vita a ricostruire per primo la storia di questo dipinto, pubblicando un articolo sulle 'Memorie Valdarnesi' del 1995-96, la rivista dell’Accademia Valdarnese del Poggio, in cui ne ripercorreva a grandi tratti le vicende. La tavola sarebbe stata in origine sull'altare maggiore della chiesa, e poi trasferita a fine 1500 sull'altare della famiglia Mini, nel braccio sinistro del transetto. 

Secondo le ricerche storiche, dopo il sequestro l'Incoronazione del Botticelli non tornò mai più a Montevarchi: quando iniziò la restituzione dei beni sequestrati alle comunità, l'opera fu consegnata al
 convento delle Montalve a Firenze, a Villa La Quiete appunto; a Montevarchi fu inviato invece, al posto della tavola botticelliana, la seicentesca Adorazione dei Magi di Matteo Rosselli, oggi collocata nella Collegiata di San Lorenzo.
 
Aggiornamenti
Più di una settimana fa
Il sindaco su Facebook: "Chiesta la restituzione"
"Abbiamo richiesto la possibilità di iniziare la procedura con lettera alla soprintendente e ne abbiamo parlato in regione con la presidenza e l'assessorato competente. Dobbiamo essere graduali. Siamo in contatto con don claudio per attivare finanziamenti per cennano quale preliminare atto per richiedere il trasferimento".

Cultura

 
comments powered by Disqus
Julian Carax
Un.Dici
Non è un lavoro da poco quello portato a termine da Flavi...
Arbër Agalliu Aga
Paroleincrociate
SALVINI vs. FERRAGNI Secondo la Repubblica il nostro caro...
Roberto Riviello
Controcorrente
La professoressa palermitana Rosa Maria Dell’Aria h...
Alessio Bigini
Alessio Bigini Software/Electro Lab
Ciao a tutti, in questo breve articolo, vi mostro alcune ...