03.08.2014  14:19

Haida da leggenda, battuto il pluricampione Souwer

di Andrea Tani
L'italo-marocchino si impone all'extraround sull'olandese, uno dei fighter più forti di ogni tempo. Soddisfazione enorme per tutto il Team Monis di Figline. Ma lui non si monta la testa: "Andrò avanti con umiltà e determinazione"


commenti

Data della notizia:  02.08.2014  17:53  /  Ultimo aggiornamento:  03.08.2014  14:19

È un’impresa destinata a segnare per sempre la carriera di Mustapha Haida quella che l’italo-marocchino ha compiuto in Cina battendo all’extraround Andy “The Destroyer” Souwer, leggenda vivente della kickboxing. Soddisfazione alle stelle per il fighter valdarnese e per tutto il Team Monis dopo un risultato sul quale nessuno avrebbe mai scommesso.

Haida aveva raggiunto Zhoukou, nella provincia cinese di Henan, per il Khunlun Fight 7 World Max 2014, prestigioso torneo internazionale al quale era stato invitato per battersi contro l’olandese pluricampione del mondo. Dopo tre riprese giudicate pari Haida, diretto dall’angolo dal maestro Dimitri Monini, anche lui fresco di titolo mondiale K-1, si è imposto all’extraround su Souwer.

“Andrò avanti con umiltà e determinazione”, ha dichiarato Haida dopo la vittoria. Dopo qualche giorno di riposo, il fighter è pronto a riprendere gli allenamenti alla Fight Academy di Figline in vista della prossima tappa del torneo. Gli otto atleti ancora in gara si affronteranno il 21 settembre a Macao.
Aggiornamenti
Più di una settimana fa
Le congratulazioni del Comune al fighter Mustapha Haida
L’amministrazione comunale di Figline e Incisa Valdarno si congratula con l’atleta Mustapha Haida ed il Team Monis per il successo ottenuto in Cina, a Zhoukou, nell’ambito del Khunlun Fight 7 World Max 2014, il prestigioso torneo internazionale dove il fighter figlinese ha battuto Andy Souwer, l’olandese pluricampione del mondo. “Sono rimasto piacevolmente colpito dalle parole di Mustapha Haida dopo questa sua straordinaria vittoria – ha commentato l’assessore allo Sport, Mattia Chiosi -. L’atleta italo-marocchino ha subito detto di voler proseguire questa sua avventura con umiltà e determinazione, due qualità fondamentali non solo per cimentarsi in una disciplina sportiva, ma anche per affrontare la vita di tutti i giorni. A lui e al Team Monis i più vivi complimenti dell’Amministrazione comunale per questo successo ed il ringraziamento per aver portato in alto il nome della nostra città”.

Sport

 
comments powered by Disqus
Julian Carax
Un.Dici
#LAStories Vol 5 : una settimana a Los Angeles, la raccol...
Roberto Riviello
Controcorrente
In Italia la lista degli sponsor dell’accoglienza s...
Arbër Agalliu Aga
Paroleincrociate
“Non si può elogiare uno spietato assassino come Mi...