30.11.2018  08:53

Guasto alla linea elettrica ferroviaria, venerdì nero per i pendolari: ritardi di oltre un'ora, treni straordinari e caos

di Glenda Venturini
I pendolari lamentano: "Comunicazioni scarse o inesistenti, stazioni saltate senza spiegazioni". Secondo quanto appreso, sarebbe caduta una linea elettrica fra Laterina e Bucine. Assalto ai pochi treni in orario, stracolmi


(dalla pagina facebook del Comitato)

Caos, ritardi, cancellazioni e treni presi d'assalto nelle stazioni del Valdarno, in quello che è già diventato un venerdì nero per i pendolari: la causa, un guasto alla linea elettrica ferroviaria fra Laterina e Bucine, una linea aerea di alimentazione che sarebbe caduta generando così problemi su tutta la tratta Arezzo-Firenze. Inizialmente bloccata la Lenta, poi riaperta poco prima delle 9 ma su un solo binario, quello pari. 

Le conseguenze sono state molteplici: alcuni treni hanno accumulato ritardi di oltre un'ora, altri, diretti a Firenze, sono rimasti fermi nelle stazioni di Laterina o Ponticino; altri ancora dirottati dalla Lenta alla Direttissima, con ritardi e saltando molte stazioni intermedie, lasciando così i pendolari in attesa (come il 6604 o l'11666). Introdotto anche un autobus sostitutivo fra Montevarchi e Arezzo. 

"Oggi il delirio, e noi come sempre si paga", commentano i pendolari valdarnesi, lamentando la confusione più totale nelle stazioni, dove le comunicazioni sarebbero state scarse e non chiare: "Annunci dati alla stazione Campo di Marte e non all'interno del treno, non si sa che succede, se si parte o no", dice il portavoce dei pendolari Da Re. "Il treno 6604 ha saltato alcune stazioni, come ad esempio Bucine, senza nessuna comunicazione. Non è accettabile una gestione così approssimativa", aggiunge un altro pendolare. "Io ho pagato l'abbonamento e ho dovuto prendere la macchina. Ci scusiamo per il disagio", chiude sconsolato un valdarnese. 

In un post, il portavoce del Comitato Maurizio Da Re ha riassunto la situazione di questa mattina: "E' inaccettabile che per un guasto alla linea elettrica fra Montevarchi e Laterina, dalle 6.40 di stamani, sia stato un delirio per i pendolari del Valdarno arrivare a Firenze. Il treno simbolo della mattina, il 3164 a 12 carrozze, è rimasto fermo a Ponticino per via del guasto e quindi ha accumulato ritardo su ritardo, fino ad arrivare a S.M.Novella con 100 minuti di ritardo. Il Vivalto 6604 aveva 15 minuti di ritardo nel Valdarno, poi 20 a Campo di Marte, dove Trenitalia, per evitare la rivolta dei pendolari, ha realizzato un treno straordinario per raggiungere SMN, un minuetto diesel a 4 carrozze, appena arrivato dal Mugello, che si è riempito all'inverosimile. Il Foligno 3152 ha avuto 23 minuti di ritardo a SMNovella. Il 3168, diretto da Arezzo, era in coda nel Valdarno, ed è arrivato con 48 minuti di ritardo a S.M.Novella. La beffa e per il 6604 che ha recuperato i 20 minuti di ritardo, arrivando puntuale a Pistoia".

"Se il guasto alla linea aerea è stato per il freddo e scarsa manutenzione, c'è da temere il peggio per le prossime settimane. I pendolari del Valdarno sono incavolati per i continui ritardi, guasti, sovraffollamenti, ma l'assessore regionale Ceccarelli non risponde nemmeno ai tre comitati pendolari della linea, Valdichiana, Arezzo e Valdarno, alle richieste presentate nel luglio scorso, per ridurre gli inchini sulla Direttissima e per svecchiare i treni più usati, i Roma e i Foligno. Anzi, come se nulla fosse, Ceccarelli convoca la riunione di routine con tutti i comitati pendolari della Toscana, giovedì prossimo, magari per dirci che il servizio ferroviario è migliorato in puntualità, che ci sono i nuovi Jazz con 300 posti a sedere e che la Regione sta per firmare il prolungamento del contratto con Trenitalia per altri 13 anni. E' una grande presa di giro per i pendolari del Valdarno, con la possibilità che fra 10 giorni, con il nuovo orario invernale e possibili nuove Frecce e Italo sulla Direttissima, gli inchini e i ritardi possano aumentare ancora".

 

Cronaca

 
comments powered by Disqus
Julian Carax
Un.Dici
“Il Canada, per la prima volta nella sua storia cestistic...
Roberto Riviello
Controcorrente
Il 19 gennaio 2000, in Tunisia, moriva Bettino Craxi: a r...
Luca Franchi
Il Dottore delle Piante
Torna per il 5° anno consecutivo il corso “mustR...
Alessio Bigini
Alessio Bigini Software/Electro Lab
Ciao a tutti, in questo articolo andremo a recensire un n...