11.07.2017  00:42

Gruppo Pd: "La chiusura di Podere Rota nel 2021 è obiettivo condiviso da tutto il consiglio"

di Monica Campani
Il gruppo di maggioranza in consiglio si rivolge al Comitato “Vittime della discarica di podere Rota” e all'opposizione


commenti

Data della notizia:  11.07.2017  00:42

Discarica di Podere Rota: il gruppo consiliare Pd di San Giovanni ribadisce la volontà di vedere chiudere l'impianto nel 2021 e si rivolge al Comitato “Vittime della discarica di podere Rota” e all'opposizione.

"Come consiglieri del Pd siamo dispiaciuti di constatare che il Comitato “Vittime della discarica di podere Rota” si rapporti con un solo gruppo consiliare di opposizione. Un gruppo la cui sola politica è quella di inveire contro l’attuale amministrazione  e il Partito Democratico. Un gruppo che ha perso di vista il significato e la funzione del ruolo del consigliere comunale, che invece di discutere all’interno delle sedi istituzionali preferisce sottrarsi alle responsabilità del dibattito politico e amministrativo, come ha dimostrato in modo eclatante la loro uscita dall’aula al momento della votazione sul riconoscimento del disagio ambientale". 

"La chiusura di Podere Rota nel 2021 non è solo l’obiettivo del Comitato, ma obiettivo condiviso da tutto il consiglio comunale. Il gruppo consiliare Pd, il partito Democratico, il sindaco Viligiardi hanno avviato da tempo una serie di passaggi istituzionali importanti, per il bene di San Giovanni e per chiudere la discarica di Podere Rota nel 2021 e dire 'No' al biodigestore anaerobico".

Il gruppo Pd, poi, continua sottolineando l'azione svolta dal sindaco Viligiardi in maniera particolare per il risarcimento del disagio ambientale: "Nel consiglio comunale del 27 giugno abbiamo approvato la convenzione con il Comune di Terranuova Bracciolini per la regolazione dell’ indennità di disagio ambientale  2017/21. E’ stato un passo importante, ci aspettavamo un’unanimità, non un’incomprensibile uscita dall’aula da parte del gruppo Cresce San Giovanni, perché dopo anni in cui nessuno aveva  sfondato quella porta finalmente il sindaco Viligiardi ce l’ha fatta, che piaccia o meno, finalmente le vittime che abitano vicino alla discarica del comune di San Giovanni Valdarno, quelli che dall’apertura della discarica hanno subito i pesanti disagi (viabilità, cattivi odori, ecc.), potranno avere finalmente gli stessi riconoscimenti degli abitanti confinanti del comune di Terranuova Bracciolini". 

"Siamo  disponibili a collaborare con i membri del Comitato per proseguire la battaglia per la chiusura della discarica di Podere Rota. Crediamo che la vostra mobilitazione sia importante, ma pensiamo che possa essere più efficace coinvolgendo tutto i cittadini del Valdarno per impegnare le amministrazioni locali ad una scelta chiara e decisa". 

Infine il gruppo della maggioranza conclude: "Il 13 luglio 2017 subito dopo il consiglio comunale presso la sala della musica si riunirà la quarta commissione consiliare il cui ordine del giorno prevede la definizione del documento su Podere Rota da inviare alla 4° commissione regionale Ambiente. Documento che potrebbe essere la posizione unitaria del Valdarno, per dire ancora una volta: basta con la discarica di Podere Rota. La quarta commissione è una seduta pubblica a cui possono assistere tutti i cittadini".

 

Politica

 
comments powered by Disqus