15.12.2018  21:41

"Grave violazione nel consiglio comunale", le opposizioni si rivolgono ai carabinieri e chiedono il commissariamento

di Monica Campani
Lorenzo Naimi, Valentina Trambusti, Simone Lombardi, Cristina Simoni, Francesco Sottili: "Lunedì saremo dal Prefetto per chiedere il commissariamento"


commenti

Data della notizia:  15.12.2018  21:41

“Abbiamo esposto ai Carabinieri quanto successo nell’ultimo consiglio comunale affinché venga interessata la Procura della Repubblica e la Prefettura.” Questo è quanto hanno dichiarato i consiglieri di opposizione Naimi (Movimento 5 Stelle), Trambusti (Salvare il Serristori), Lombardi (IdeaComune), Simoni (Gruppo misto), Sottili (gruppo misto) dopo la seduta nel corso della quale il consigliere dimissionario Stefano Somigli è stato sostituito da Leonardo Favilli. La minoranza ha abbandonato l'aula facendo mancare il numero legale ma la segretaria ha ritenuto di continuare le attività del consiglio. Adesso chiede il commissariamento del Comune.

“Aldilà della violazione della norma statutaria art. 9 e delle conseguenze giuridiche e amministrative che ne deriveranno – aggiungono i consiglieri di opposizione – siamo di fronte ad un dato politico incontestabile: il Pd dopo l’ennesimo abbandono non ha più i numeri per sorreggere la giunta Mugnai. Pur di arrivare in qualche modo alla fine della consiliatura si è volutamente calpestato le più elementari regole della democrazia.”

“Il Partito democratico non può invocare la scusante del dubbio normativo visto che gli stessi consiglieri in una situazione analoga verificatasi nella seduta del 27 Luglio 2017, in cui venne surrogato un altro consigliere, presero atto della mancanza del numero legale decretata dall’allora Segretario Generale Dott. Saccà. Anche in quell’occasione i consiglieri presenti in aula erano 9 compreso il Sindaco, che non concorre a raggiungere il numero legale.”

"Questa volta, con Sandro Sarri presidente del consiglio comunale le regole sono improvvisamente cambiate. In realtà già nel corso della seduta, come si ascolta dalla registrazione audio-video, la segretaria comunale ipotizza un futuro ricorso. Addirittura alcuni consiglieri del Pd hanno sbeffeggiato l’opposizione dichiarando: 'Tanto la Legge vi darà ragione quando sarà terminato il mandato'”.

“La capogruppo Pd Farini invece di sproloquiare su 18 euro del gettone di presenza del consiglio comunale, dovrebbe ricordarsi degli oltre 7000 euro recentemente spesi dal Comune a causa delle illegittimità commesse dal Presidente Sarri per sfiduciare la ex presidente del consiglio comunale. Purtroppo – concludono i consiglieri di opposizione – anche questa volta la maggioranza rischia di far pagare ai cittadini le spese legali a causa della loro incapacità ed arroganza.”

“Ci auguriamo che la Prefettura commissari immediatamente il comune mettendo fine a queste ripetute violazioni della legge da parte del Sindaco/Podestà Mugnai e della sua maggioranza.”

 

 

 

 

Cronaca / Politica

 
comments powered by Disqus
Julian Carax
Un.Dici
Non è un lavoro da poco quello portato a termine da Flavi...
Roberto Riviello
Controcorrente
La professoressa palermitana Rosa Maria Dell’Aria h...
Alessio Bigini
Alessio Bigini Software/Electro Lab
Ciao a tutti, in questo breve articolo, vi mostro alcune ...
Arbër Agalliu Aga
Paroleincrociate
SALVINI vs. FERRAGNI Secondo la Repubblica il nostro caro...