12.02.2014  10:25

Giorno del ricordo, studenti ed esuli in visita al campo di Laterina

di Valdarnopost
In occasione della Giornata del Ricordo, nelle scorse settimane l'Anvgd ha organizzato alcune visite al campo di prigionia di Laterina, poi divenuto centro di raccolta dei profughi istriani e dalmati


Studenti ma anche esuli che hanno voluto rivedere i luoghi in cui hanno trascorso la loro infanzia. Sono state tante, nelle scorse settimane, le persone che hanno visitato il Centro di raccolta profughi di Laterina, struttura che prima ancora fu Campo di prigionia. Le visite, organizzate anche in occasione della Giornata del Ricordo, sono state curate dall'Anvgd di Arezzo, l'Associazione nazionale Venezia Giulia e Dalmazia. 

"Non avevamo nessuna idea di cosa avremmo potuto vedere o sentire, ma quello di cui siamo certi è che siamo rimasti davvero colpiti da questa esperienza. Non avremmo pensato di trovare ancora oggi persone che potessero raccontare con così tanta lucidità a noi, studentesse alle prime armi, avvenimenti accaduti più di 50 anni fa". A raccontare la propria esperienza è Giada, studentessa dell'istituto “Leonardo da Vinci” di Firenze, la cui classe ha visitato il Centro di Laterina a dicembre. 

"Questa esperienza a Laterina - ha scritto ancora Giada - mi è servita sotto molti punti di vista e mi ha aiutato molto a riflettere, ed è per questo che a fine anno presenterò il mio progetto sperando che anche solo un ragazzo, anche solo una persona che sia, ne rimanga colpito, perché vorrà dire che sono riuscita, anche se solo nel mio piccolo, a far vedere cose di cui prima non si era a conoscenza, e quindi a desiderare di saperne di più. Ma chissà che non si riesca a fare anche un passo più in là, tutti assieme: e cioè a raccogliere l’eredità di speranze che esuli e amministratori hanno coltivato in questi anni, quella di far sì che almeno una di quelle baracche diventi e rimanga un monumento della memoria". 

Una storia, quella del Campo di Laterina, raccontata anche da Giovanni Nocentini, 84 anni, ex insegnante elementare e assessore comunale a Laterina. Tra le sue pubblicazioni c'è infatti anche il racconto "Quindicimila gavette nel campo di concentramento", che ricostruisce proprio le vicende che videro Laterina protagonista di una lunga pagina di storia italiana, da campo di concentramento a centro di raccolta dei profughi istriani e dalmati.

Cultura

 
comments powered by Disqus
Alessio Bigini
Alessio Bigini Software/Electro Lab
Ciao a tutti, in questa recensione andremo a provare una ...
Leonardo Matassoni
Diritto all'architettura
PERDERE DI VISTA IL SENSO DELLA VITA PUR DI SOPRAVVIVERE ...