28.11.2017  12:16

Giardini Spinelli, l'appello di Legambiente all'amministrazione: "Stop al cambio di destinazione e alla cementificazione"

di Glenda Venturini
Per Legambiente Arezzo "le aree verdi urbane sono una risorsa fondamentale da tutelare", e i Giardini Spinelli, in particolare, "svolgono funzioni essenziali di mitigazione degli impatti acustici e visivi, dell’inquinamento atmosferico, con vantaggi per il microclima, la qualità della vita e la salute della popolazione residente". Da qui la richiesta di un passo indietro al comune


commenti

Data della notizia:  28.11.2017  12:16

È Legambiente a riaprire il dibattito sul futuro dei Giardini Spinelli di Montevarchi, a lungo rimasti al centro delle cronache per la decisione dell'amministrazione di inserirli nel piano delle alienazioni, prima, e di trasformarli, poi, in lotto libero edificabile. L'associazione che si occupa di tematiche ambientali chiede un ripensamento, su queste scelte, a Palazzo Varchi. 

"Le aree verdi urbane sono una risorsa fondamentale da tutelare, viste le molteplici ed importanti funzioni che svolgono per la qualità della vita dei cittadini e per la mitigazione degli effetti dei cambiamenti climatici che sempre più colpiscono le nostre città. In quest’ottica chiediamo che i Giardini Spinelli di Monetevarchi non vengano toccati e che, al contrario, vengano preservati e valorizzati", scrive Legambiente a proposito della variante del Regolamento Urbanistico di Montevarcho, approvata in Consiglio comunale a settembre, che destina quell'area ad insediamenti di attività che, secondo l'associazione "comporterebbero inevitabilmente altra cementificazione in una zona, peraltro, già fortemente urbanizzata". 

"Lo spazio verde dei Giardini Spinelli - afferma Chiara Signorini, Presidente del circolo Legambiente di Arezzo - svolge funzioni essenziali di mitigazione degli impatti acustici e visivi, dell’inquinamento atmosferico, con vantaggi per il microclima, la qualità della vita e la salute della popolazione residente. Tale aspetto la rende una risorsa da tutelare, non tanto e non solo per il suo valore ecologico intrinseco, pur presente, quanto soprattutto per l’importante funzione compensativa che essa svolge nell’ecosistema urbano locale".

"Non sottovalutiamo poi - aggiunge Signorini - la funzione che le aree verdi, anche di piccole dimensioni, svolgono nella mitigazione degli effetti, ormai evidenti, dei cambiamenti climatici nelle nostre città, con valenza e benefici d’interesse collettivo e generale. Il verde urbano diffuso contribuisce, infatti, a combattere il rischio idraulico riducendo l’impermeabilizzazione del suolo, favorendo il drenaggio delle acque e rallentandone lo scorrimento sulle superfici cementificate, a sequestrare e fissare la CO2 emessa in atmosfera dalle attività uman". 

Per tutte queste motivazioni Legambiente ha chiesto al Comune di Montevarchi di non procedere a destinare i Giardini Spinelli ad altra destinazione d’uso e al conseguente insediamento di attività e di cementificazione, ma piuttosto di "preservarli e valorizzarli, rafforzando così la funzione che da sempre svolgono per i cittadini e  per l’ambiente".

Politica / Economia

 
comments powered by Disqus