19.02.2014  19:16

Forti disagi per i pendolari: un treno sostituito e grandi ritardi. Alcuni passeggeri non sono riusciti a scendere a Figline

di Eugenio Bini
Disagi e ritardi questo pomeriggio per i pendolari valdarnesi. Il treno 2313 in partenza da Santa Maria Novella ha provato per tre volte a partire e poi si è fermato: treno sostituito e 40 minuti di ritardo. Sul 2315 invece alcuni pendolari denunciano: "Una porta era rotta, ci siamo diretti a quella più vicina per scendere a Figline e mentre stavamo uscendo il convoglio è ripartito. Per il capotreno erano scesi tutti". Presentati due reclami.


Un mercoledì di disagi per i pendolari valdarnesi. Due i treni al centro delle proteste: il 2313 ed il 2315. E la polemica scoppia su facebook.
 
In particolare il regionale veloce delle 15 e 09 da Santa Maria Novella per Roma Termini, a quanto raccontano i presenti, ha tentato per tre volte di partire e dopo pochi metri si è fermato, molto probabilmente per un guasto. Alla fine i passeggeri sono stati fatti scendere: “Cambio treno, parte dal binario 16, con 40 min di ritardo” scrive un pendolare su facebook. E così il convoglio invece di arrivare a Figline alle 15 e 34 è arrivato alle 16 e 14.
 
Proteste a non finire invece per il treno delle 17 e 15 sempre per Roma Termini. Un pendolare su facebook denuncia: “Il convoglio è stato dirottato sulla linea lenta, senza alcun annuncio. Arrivati a Figline il quarto vagone aveva la porta rotta: si è formata quindi una lunga fila per scendere dal terzo. Quando ancora mancavano sette persone alla discesa, le porte si sono chiuse e il treno è ripartito”.
 
Sono nate quindi proteste nei confronti del capotreno: “Mi ha risposto che non era possibile, ma sono riuscito a farlo venire a verificare. Arrivati al vagone ha trovato gli altri viaggiatori infuriati che non erano riusciti a scendere, ma il capotreno ha insistito dicendo che per lui erano scesi tutti, sottolineando che a controllare la discesa erano in due e che quindi non fosse possibile un errore del genere. Siamo alla fine scesi a San Giovanni e abbiamo atteso 22 minuti per tornare a Figline. Se anziché perdere tempo a discutere, il capotreno si fosse scusato e avesse contattato San Giovanni per far attendere un minuto il treno che tornava verso Figline, non avremmo atteso ancora per tornare a casa”.
 
I pendolari stanno inviando segnalazioni per i disagi alla Regione.

 

Cronaca

 
comments powered by Disqus
Alessio Bigini
Alessio Bigini Software/Electro Lab
Ciao a tutti, in questo articolo andremo a recensire un n...
Roberto Riviello
Controcorrente
Che la senatrice a vita Liliana Segre debba andare in gir...