25.11.2020  09:37

Festival delle scoperte partecipa al Bright Night - La notte dei ricercatori 2020

di Martina Giardi
Festival delle scoperte per La notte dei Ricercatori ha organizzato due appuntamenti in streaming, previsti per il 26 e 27 novembre.


commenti

Data della notizia:  25.11.2020  09:37

Festival delle Scoperte continua il viaggio della divulgazione scientifica e partecipa al BRIGHT NIGHT – La Notte dei Ricercatori 2020 con due appuntamenti in streaming previsti per la mattina di giovedì 26 e venerdì 27 novembre. Numerose le collaborazioni sia con Istituzioni che con professionisti per favorire il piacere della scoperta. 

Marco Panichi , direttore del Festival -“Siamo contenti e orgogliosi di partecipare con due colossi della ricerca come l’Università di Firenze e il Centro di GeoTecnologie di San Giovanni Valdarno per dare anche noi un piccolo contributo per favorire la divulgazione scientifica e stimolare i giovani studenti a scoprire un po’ tutte le scienze e le discipline. Ma quello che ci fa ancora più piacere è il clima collaborativo che abbiamo trovato nel discutere e partecipare a questi due appuntamenti. Con tutte le persone coinvolte, le Istituzioni, i professionisti, gli insegnanti e gli studenti abbiamo avuto fin da subito lo stesso obiettivo: essere vicini e propositivi per trasmettere e ricevere sempre più conoscenze.” 

IL PROGRAMMA - Giovedì 26 novembre si inizia con "MINI TALKS per MAXI SCIENZIATI! "ossia presentazioni a cura dell’associazione Scienza in Fabula realizzati in collaborazione con l’Università degli Studi di Firenze e la Biblioteca delle Oblate. Si tratta di storytelling interattivi online di 15 minuti per bambini della Scuola Primaria per scoprire la scienza in modo fluido e divertente. Le scuole avranno la possibilità di collegarsi con gli scienziati attraverso la piattaforma Zoom mentre genitori e curiosi potranno seguire la diretta sui canali Facebook del Festival delle scoperte e della Biblioteca delle Oblate.

In streaming dal canale del Festival delle scoperte :

Ore 9:30 e 11 - “La Natura si presenta” Il concetto di natura è estremamente ampio, ricco di sorprese e fenomeni che non esauriscono solo nella sfera del verde. Affronteremo con un talk dedicato alle famiglie le proprietà della natura in un racconto che rasenta la logica, l’esplorazione e la bravura nell’osservazione. La volontà del Dio verde, abilissimo scultore della bellezza in quale lingua parla? La lingua dei veri scienziati, scopriamola insieme! Ore 10 e 11:30 - “Piccoli e bizzarri animali per l’ambiente” Esemplificheremo come la matematica trovi applicazione nello studio della vita, mostrando alcuni semplici indici matematici che i naturalisti usano per stimare la diversità delle specie viventi e come, attraverso l’analisi della variabilità espressa dalle comunità di specie nello spazio e nel tempo, sia possibile ottenere informazioni preziose per comprendere i processi di alterazione causati dall’uomo agli ecosistemi. Ore 10:30 e 12 - “All’interno della vita” La vita nel suo dettaglio è affascinante nella propria creatività e precisione degna di essere paragonata ad una fabbrica di un ingegno impeccabile. Quali sono le basi? Valgono per tutti gli esseri viventi? Per capire la differenza fra noi e il nostro gatto, basta solo contare!  

Venerdì 27 novembre sarà il turno de LE GEOTECNOLOGIE IN VALDARNO!- Alla scoperta delle attività che svolgono i ricercatori nel Centro di GeoTecnologie di San- Valdarno e della modellazione e stampa 3D con Riccardo Calvetti. L’evento è in collaborazione con l’Università degli Studi di Siena ed è patrocinato dal Comune di San Giovanni Valdarno e dall’INGV. Le presentazioni sono per le terze medie e per gli Istituti Superiori.

Ore 9:10 - Le rocce del Valdarno

Ore 9:30 - L’Antartide in Valdarno

Ore 10:10 - Tecnologie per investigare il sottosuolo

Ore 10:30 - Le onde sismiche per misurare un terremoto

Ore 11:10 - Un mondo di strati: la stampa 3D (a cura di Riccardo Calvetti 3D Specialist)

Ore 11:30 - Il nostro territorio visto dall’alto: ricerche con drone e ultraleggero

 

Cultura

 
comments powered by Disqus
ULTIME NOTIZIE