04.03.2014  16:38

Enzo Brogi appoggia la battaglia di Paola Nepi: "Ora la Regione metta in campo azioni concrete"

di Valdarnopost
La scrittrice montevarchina Paola Nepi, da distrofia muscolare e da anni immobilizzata a letto dalla malattia, ha lanciato dalle pagine di Repubblica un appello all'assessore regionale alla salute: "Serve formazione specifica per l’assistenza domiciliare ai disabili gravi". Il consigliere Enzo Brogi si associa al suo appello e chiede a Marroni di intervenire con atti concreti


commenti

Data della notizia:  04.03.2014  16:38

Parte da Montevarchi, e dalla casa di Paola Nepi, l'appello alla Regione: "Servono corsi di formazione per chi assiste disabili gravi". Un dibattito che si è animato negli scorsi giorni attraverso le pagine del quotidiano La Repubblica, con l'appello della scrittrice montevarchina Paola Nepi, affetta da distrofia muscolare e da anni immobilizzata a letto dalla malattia. Un appello diretto all'assessore regionale alla salute, Luigi Marroni, che ha subito raccolto questa richiesta e aperto la strada all'attivazione di questi corsi. 
 
"Bene le parole di Marroni, ora si passi ad azioni concrete", chiede oggi il consigliere regionale del Pd Enzo Brogi. "L’appello di Paola, pubblicato domenica scorsa, arriva purtroppo dopo un percorso iniziato quasi tre anni fa, quando ha iniziato la sua battaglia, anche culturale, sulla condizione e l'assistenza a chi soffre di patologie che rendono completamente dipendenti dalla cura degli altri, dalle loro mani, a volte affettuose ma spesso anche troppo inesperte".

"Per questo . ricorda Brogi - feci conoscere Paola anche a Walter Veltroni e a Adriano Sofri, perché portassero attenzione sul tema, e proprio due anni fa la Regione rese possibile la pubblicazione e la messa in scena del monologo teatrale di Paola 'Le mani addosso', col quale ha portato sul palco i suoi sentimenti e la drammaticità della sua situazione allo scopo di rendere ancora più forte il proprio appello".
 
"Fu in quella occasione che l’allora assessore regionale Daniela Scaramuccia conobbe Paola e prese in carico la sua richiesta alla Regione di organizzare corsi specifici per l’assistenza domiciliare ai disabili gravi, che diano una formazione adeguata a chi si trova a svolgere un compito molto delicato, anche dal punto di vista emotivo – prosegue Brogi – per questo ho scritto stamani all'assessore Marroni, sottolineando la necessità di dare immediata concretezza all'impegno che ha preso annunciando che entro l’estate partiranno specifici corsi per assistenti familiari e un piano per gli operatori aziendali, per fare in modo che, nonostante il tempo perso, questa sia davvero una buona notizia per i malati, e anche che il coraggio di Paola possa finalmente essere premiato e la sua battaglia non subisca una nuova battuta d'arresto". 

Sociale

 
comments powered by Disqus