19.11.2018  19:12

Entrano in servizio due nuovi Jazz, uno per la tratta valdarnese. Ceccarelli rilancia il raddoppio della Direttissima

di Glenda Venturini
Presentati a Santa Maria Novella i nuovi Jazz, sono il 17esimo e il 18esimo dei 20 previsti dal contratto Regione-Trenitalia: uno sarà dedicato alla tratta fra Valdarno, Firenze e Prato. E nell'occasione l'assessore Ceccarelli ha ribadito la necessità di alcune grandi opere, come il raddoppio della Direttissima fra Firenze e il Valdarno


Sono entrati in servizio con la presentazione ufficiale a Santa Maria Novella, il 17esimo ed il 18esimo treno Jazz della flotta regionale Toscana. Fanno parte dell'investimento del contratto di servizio fra Regione e Trenitalia: alla conferenza per l'inaugurazione presenti l'assessore regionale ai trasporti Vincenzo Ceccarelli, l'amministratore delegato di Trenitalia Orazio Iacono, il direttore trasporto regionale Trenitalia, Maria Giaconia. Uno dei due è destinato proprio ai collegamenti del Valdarno con Firenze e con Prato. 

"Grazie a 12 milioni di investimento - ha detto Ceccarelli - andiamo a migliorare ulteriormente il servizio regionale con due nuovi treni Jazz che serviranno principalmente l'area metropolitana fiorentina e pisana, cioè le tratte Valdarno-Firenze-Prato e Pisa-Lucca-Viareggio, a vantaggio dei molti pendolari che utilizzano il trasporto regionale per i loro spostamenti quotidiani. Con questi sono 18 i Jazz consegnati da Trenitalia alla Regione Toscana. Altri due arriveranno entro la fine dell'anno e poi, dal 2020, avremo anche i primi treni Rock, convogli di ultima generazione costruiti a Pistoia".

I due nuovi Jazz, su richiesta della Regione, sono dotati con nuove attrezzature per il trasporto biciclette e per questo possono portare fino a 12 bici, il doppio di quanto previsto fino ad oggi. I seggiolini a scomparsa permetteranno ai passeggeri, in caso di mancato utilizzo dei portabici, di sfruttare lo spazio per sedersi normalmente. "In Toscana - ha ricordato l'assessore - abbiamo fortemente incentivato l'utilizzo della bicicletta come mezzo di trasporto sostenibile abbinato anche al treno. Abbiamo incentivato l'acquisto di bici pieghevoli per i pendolari e scontato i costi degli abbonamenti per il trasporto delle bici".

Ceccarelli ha concluso con un nuovo appello per la ripresa dei lavori del nodo fiorentino dell'alta velocità, e rilanciando la necessità del raddoppio della Direttissima: "Ricordiamo - ha detto -  che per avere un buon servizio ferroviario oltre ai nuovi treni serve anche un'infrastruttura efficiente. Per questo ci aspettiamo che i lavori per il sotto-attraversamento di Firenze ripartano al più presto e che nella futura programmazione di RFI venga inserito anche il raddoppio della Direttissima dal Valdarno a Firenze. Solo con sotto-attraversamento e raddoppio della Direttissima avremo lo 'sbottigliamento' del nodo AV di Firenze, a vantaggio del traffico regionale ma anche del servizio Av nazionale".

Cronaca

 
comments powered by Disqus
Roberto Riviello
Controcorrente
La professoressa palermitana Rosa Maria Dell’Aria h...
Arbër Agalliu Aga
Paroleincrociate
SALVINI vs. FERRAGNI Secondo la Repubblica il nostro caro...
Alessio Bigini
Alessio Bigini Software/Electro Lab
Ciao a tutti, in questo breve articolo, vi mostro alcune ...
Julian Carax
Un.Dici
Non è un lavoro da poco quello portato a termine da Flavi...