30.10.2011  10:33

Enpa Valdarno in Lunigiana per soccorrere gli animali del canile inondato

di Glenda Venturini
Dodici finora i cani che hanno perso la vita nel canile Mulazzo. Per i sopravvissuti parte la catena di solidarietà dell'Enpa: tre di loro sono già arrivati al canile del Valdarno. "Adottateli", è l'appello dell'ente.


L'inondazione in Liguria e Toscana miete vittime anche tra gli animali. Sarebbero dodici, finora, i cani morti accertati, otto dei quali erano cuccioli. Ed è solo il primo bilancio dopo l'inondazione del canile comprensoriale di Mulazzo, in Lunigiana, dove erano ospitati circa 200 animali. Tuttavia, il numero delle vittime sembra destinato ad aumentare nelle prossime ore, quando gli operatori avranno rimosso il fango e i manufatti crollati. Il canile si trova a ridosso di un fiume, che, quando è esondato, ha invaso l'intera struttura.

Per aiutare i colleghi della Lunigiana, da ieri alcuni volontari del Canile Enpa del Valdarno sono arrivati nella zona alluvionata di Mulazzo, in provincia di Massa Carrara, per prestare soccorso al canile distrutto dalla piena. I cani sopravvissuti sono in corso di trasferimento e il canile valdarnese di Forestello, nel comune di Cavriglia per ora ne ha accolti tre, ma altri arriveranno nei prossimi giorni. "Cerchiamo per loro un'adozione 'speciale' - è l'appello di Marco Innocenti Degli, presidente dell'Enpa -  oppure anche solo una temporanea custodia".

Cronaca / Cultura

 
comments powered by Disqus