08.05.2020  18:00

Emergenza Covid-19, il piano della Giunta Mugnai per sostenere le attività produttive

di Matteo Mazzierli
Già sospesa la tassa di soggiorno per il periodo marzo-dicembre. In arrivo anche agevolazioni Tari e riduzioni (fino al 90%) su tassa occupazione suolo pubblico per tutto il 2020


commenti

Leggi gli Speciali:  Covid-19: tutte le informazioni

Data della notizia:  08.05.2020  18:00

Accanto alle misure dedicate ai singoli cittadini e alle famiglie, già erogate (come i buoni spesa), in fase di accoglimento (come i contributi affitto) o di studio (come i centri estivi), l’Amministrazione comunale di Figline e Incisa Valdarno ha lavorato alle misure a sostegno delle attività produttive del territorio.

Oltre 1 milione di euro di agevolazioni che la Giunta Mugnai proporrà in consiglio comunale, finalizzate a sostenere le attività commerciali, di somministrazione e turistiche in difficoltà economica a causa dell’emergenza Covid19. Intanto, l'amministrazione ha già abolito la tassa di soggiorno per il periodo marzo-dicembre 2020.

Si parte dalla Tari (che a Figline e Incisa Valdarno, già da anni, è possibile pagare in 3 rate oltre che con soluzione unica), a cui è destinato un fondo da oltre 400mila euro dedicato a quelle attività commerciali e turistiche, che sono rimaste chiuse durante l’emergenza sanitaria e che accederanno alle agevolazioni mediante apposito bando.

Quanto alla Tosap (tassa occupazione suolo pubblico), con un apposito stanziamento di circa 100mila euro, l’obiettivo della Giunta è ridurre del 90% sia quella permanente che quella temporanea per tutto il 2020, in modo da annullare quasi completamente la cifra che gli esercizi commerciali devono versare al Comune per l’installazione all’aperto di tavolini e dehors. Inoltre verrà data loro la possibilità di ampliare, a costo zero per tutto il 2020, l’area esterna del locale (da occupare, quindi, con tavolini e dehors per rispettare le misure di distanziamento sociale). Anche gli ambulanti godranno di agevolazioni sul pagamento della Tosap, ottenendo una riduzione del 50% se interessati dal commercio alimentare e del 60% per chi vende prodotti di altro tipo.

Sempre a proposito di occupazione di suolo pubblico, anche i cantieri edili avranno la possibilità di recuperarne i costi dal momento che si vedranno prorogare di due mesi (e senza quindi spese aggiuntive) le occupazioni già concesse.

Ed è proprio per portare avanti queste operazioni di abbattimento fiscale, parziale o totale, e, contestualmente, per permettere agli uffici di predisporre bandi e procedimenti amministrativi ad hoc che la Giunta proporrà anche un ulteriore posticipo delle scadenze di Tari (31 luglio per soluzione unica o per prima rata), Tosap (30 settembre), tassa sulla pubblicità (30 giugno) e tassa di soggiorno dovuta per i soli mesi di gennaio e febbraio (che slitterà al 10 settembre e che sarà corrisposta solo dalle attività che, nei due primi mesi del 2020, l’hanno effettivamente riscossa).

“Compatibilmente con gli equilibri di bilancio l’obiettivo di queste misure, che saranno approvate nei prossimi Consigli comunali, – spiegano la Sindaca Giulia Mugnai e l’assessore alle Attività produttive, Enrico Buoncompagni - è far slittare il più possibile le scadenze di tributi e imposte comunali, per garantire una migliore distribuzione dei pagamenti alle imprese in difficoltà ma soprattutto per avere modo di recuperare tempo utile e far partire, prima di quelle scadenze, le agevolazioni studiate dall’Amministrazione comunale. Tra queste c’è anche la tassa di occupazione del suolo pubblico, che per ragioni normative non può essere cancellata del tutto, ma che abbiamo annullato quasi completamente per andare incontro alle necessità delle attività colpite dall’emergenza, che potranno ripartire proprio sfruttando al massimo gli spazi esterni ai loro locali”

“Naturalmente – continua la Sindaca Mugnai - attraverso Anci e insieme a tutti i Comuni italiani, continueremo a chiedere al Governo risposte sul tema della misure a sostegno di cittadini e imprese, sia per poter garantire ulteriori tutele a chi ha sofferto economicamente in questi mesi sia per non appesantire ulteriormente il bilancio comunale, che è sottoposto ad uno sforzo davvero straordinario. Ad ogni modo, anche grazie ai contributi da fusione e alle economie di scala portate avanti negli anni, queste misure a sostegno delle attività produttive saranno un impegno enorme, ma comunque economicamente sostenibile, per il nostro ente”.

Cronaca / Politica / Economia

 
comments powered by Disqus
Julian Carax
Un.Dici
È vero, per quanto possiamo indignarci, a noi uomini bian...
Roberto Riviello
Controcorrente
Quarant’anni fa, a Milano, moriva ammazzato Walter ...