14.09.2013  11:42

"Ecco fatto", a Pietraviva e San Donato in Collina l'apertura prevista per il 1 ottobre

di Glenda Venturini
I due uffici, che apriranno nelle due frazioni di Bucine e Rignano rimaste senza un ufficio postale, saranno pronti il 1 ottobre. L'annuncio viene da Expo Ruralia, la manifestazione in corso a Firenze, dove è stato presentato il progetto "Ecco fatto". I due sportelli di Faella e Montegonzi dovranno aprire invece entro dicembre di quest'anno


commenti

Data della notizia:  14.09.2013  11:42

Apriranno il prossimo 1 ottobre, insieme ad altri 33 sportelli in tutta la Toscana, i nuovi uffici "Ecco fatto" di Pietraviva, nel comune di Bucine, e San Donato in Collina, nel comune di Rignano. La data è stata annunciata ieri all'interno della manifestazione Expo Ruralia, alla Forezza da Basso di Firenze, nel corso della quale è stato presentato il progetto "Ecco Fatto!", nato dalla collaborazione fra Regione Toscana e Uncem Toscana.

Altri 24 sportelli apriranno invece entro dicembre 2013, e fra questi c'è anche quello di Faella, nel comune di Pian di Scò, e di Montegonzi, nel comune di Cavriglia. Per questi due uffici è ancora in corso la selezione dei giovani del servizio civile, e le domande possono essere presentate entro il 24 settembre. 

"Questi presidi sono stati individuati dalla Presidenza della Regione Toscana per attenuare, fra l'altro, gli effetti della decisione, assunta in maniera unilaterale da Poste spa, di chiudere, a partire da dicembre 2012, 74 uffici postali nella sola Toscana", hanno spiegato i promotori del progetto.

"Il progetto 'Ecco Fatto' è una risposta ai bisogni dei cittadini, soprattutto quelli che abitano in zone periferiche o in montagna, che devono quotidianamente affrontare difficoltà nell'utilizzo di servizi. In sostanza, un punto di facilitazione e avvicinamento alla pubblica amministrazione e, in genere, a servizi di pubblico interesse". Il tipo di servizi erogati sarà in parte regionale, definito da Uncem Toscana assieme a Regione Toscana, e in parte comunale, ovvero individuato da ogni Amministrazione comunale assieme alle associazioni che gestiscono le sedi interessate.

I principali servizi offerti nei punti “Ecco fatto!” sono: quelli collegati alla tessera sanitaria elettronica; la diffusione e il collegamento con il centro di documentazione regionale sull’accessibilità; le attività di informazione attorno al progetto regionale “Giovanisì”; l’informazione e la promozione circa le attività del numero verde regionale 800.098.718 di intervento sul disagio sociale; la possibilità di consultare il proprio fascicolo giudiziario per i procedimenti civili; l’accesso ai servizi e alle prestazioni del sito Inps; l’attivazione delle risorse di Aima per la tutela del malato di alzheimer e il sostegno della famiglia; la possibilità di presentazione istanze al difensore civico regionale attraverso consulto in videoconferenza; la conciliazione nelle controversie tra gestori dei servizi di telecomunicazione ed utenti. Oltre a questi, sono previsti servizi di natura amministrativa, del tipo fornito cioè normalmente dai Cup del proprio comune di residenza. 

Cronaca

 
comments powered by Disqus
Alessio Bigini
Alessio Bigini Software/Electro Lab
Ciao a tutti, in questo articolo andremo a recensire un n...
Roberto Riviello
Controcorrente
Che la senatrice a vita Liliana Segre debba andare in gir...