20.07.2012  17:08

Da lunedì tagli anche al servizio di consegna postale: in Toscana 800 postini in meno. Intanto il Governatore Rossi pronto ad incontrare Poste Italiane

di Glenda Venturini
Il piano di riorganizzazione della società non comprende solo il taglio di uffici postali, ma anche uno sfrondamento consistente sul fronte dei portalettere. Da lunedì, in Toscana, ne gireranno fino a 800 in meno, e già si preannunciano disagi per i territori più periferici. Intanto, il Governatore della regione, Enrico Rossi, ha dato la sua disponibilità ad incontrare Poste Italiane


Dopo gli uffici postali, ora tocca anche ai postini. E se per gli sportelli per ora si parla soltanto di annunci da concretizzarsi entro la fine del 2012 (in Valdarno è prevista la chiusura di sei uffici e il ridimensionamento dell'orario di un settimo), per quanto riguarda invece il servizio di consegna della posta i tagli sono già in arrivo da lunedì.

Sarebbero circa 800 i postini in esubero in Toscana, che dunque Poste Italiane taglierà nel giro di pochi giorni. E oltre all'emergenza lavorativa, c'è all'orizzonte anche la probabilità che questa riduzione della forza lavoro comporti nuovi problemi nella distribuzione della corrispondenza, soprattutto nei comuni montani e nelle frazioni più periferiche. I sindacati hanno già decretato lo stato di agitazione, e da parte sua l'Uncem, unione dei comuni montani della Toscana, torna ad intervenire sul tema. 

"Continua il comportamento inaccettabile di Poste spa, in Toscana  - commenta Oreste Giurlani, presidente di Uncem Toscana - abbiamo mobilitato gli Enti locali, i Sindaci, i Parlamentari e con la Regione stiamo lavorando per presentare entro qualche giorno una proposta in cui lanciamo la sfida a Poste di percorsi alternativi in grado di contenere, per quanto possibile, il disagio, e mantenere il servizio per i cittadini. Si tratta di una riduzione di costi a fronte di una assenza assoluta di un piano di sviluppo per rilanciare un settore fortemente in crisi come quello del recapito".

Da parte sua, il governatore della Regione Toscana, Enrico Rossi, ha annunciato che è pronto ad incontrare Poste italiane "per affrontare la situazione critica che si sta delineando in Toscana dopo la probabile chiusura di 174 uffici postali". Alla società verranno avanzate delle proposte operative alternative, che possano consentire di evitare la chiusura degli uffici postali. 

Cronaca

 
comments powered by Disqus