09.03.2017  00:55

Cresce San Giovanni "Sulla sanità siamo arrivati al capolinea"

di Monica Campani
La commissione sanità della regione Toscana ha rigettato l'emendamento promosso dal sindaco Chiassai sulla unitarietà del Valdarno. Il gruppo consiliare Cresce San Giovanni e il coordinamento delle Liste civiche intervengono


Nessuna possibilità di avere un Valdarno, aretino e fiorentino, unito sulla sanità. Secondo l'assessore regionale Stefania Saccardi tutta colpa dei sindaci che non si sono trovati d'accordo sulla azienda sanitaria alla quale riferirsi in caso di unione. Il gruppo consiliare Cresce San Giovanni e il Coordinamento delle Liste civiche Cresce San Giovanni, Sinistra per San Giovanni e Valdarno città, prendono la parola.

"Dunque pare che sulla sanità, nonostante le tante parole e i tanti proclami, siamo arrivati al capolinea. Oggi la commissione sanità della Regione Toscana ha rigettato un emendamento che andava nella direzione auspicata da noi e sulla quale avevamo chiesto al Sindaco di San Giovanni e Presidente della conferenza dei sindaci Viligiardi per quale motivo non lo avesse appoggiati. Adesso, al di là delle puerili giustificazioni, abbiamo capito: era il solito modo per fare a scaricabarile".

"I sindaci del Valdarno non hanno appoggiato il sindaco di Montevarchi e, secondo l' assessore alla sanità regionale Saccardi, la mancata unità con quelli del Valdarno fiorentino non hanno permesso il distretto sanitario unico. Un copione già scritto, che indebolirà ulteriormente la nostra vallata e metterà in pericolo ancora di più il nostro Ospedale e che ha come responsabili i gruppi dirigenti del Pd Valdarnese e i loro rappresentanti regionale con in testa Valentina Vadi che solo a parole dicono di difendere gli interessi dei cittadini".

"Per parte nostra, per ciò che ci sarà possibile fare, continueremo a lottare per la difesa della sanità Valdarnese e del nostro Ospedale, chiedendoci a questo punto che senso abbia una Conferenza dei sindaci al cui vertice siede un sindaco che ha dimostrato tutta la sua debolezza e inconsistenza riguardo scelte così importanti".

 


 

Politica / Sociale

 
comments powered by Disqus