09.04.2020  12:26

Covid-19, a Podere Rota attività in corso per evitare l'emergenza rifiuti

di Monica Campani
Misure straordinarie per garantire gli standard ambientali e la sicurezza dei lavoratori


commenti

Leggi gli Speciali:  Covid-19: tutte le informazioni

Data della notizia:  09.04.2020  12:26

Emergenza coronavirus: anche Podere Rota a terranuova prende accorgimenti sul fronte dei rifiuti. Csai spiega.

"Per evitare che all’emergenza Corona virus si aggiunga anche quella dei rifiuti, agli impianti di Podere Rota si lavora a pieno regime non solo per trattare i residui domestici indifferenziati ma anche per garantire, in via eccezionale, uno sbocco a quelle frazioni che attualmente non è possibile avviare a recupero di materia o di energia. La chiusura temporanea di molte attività industriali ha comportato infatti una drastica riduzione della domanda di materie prime seconde mentre i pochi termovalorizzatori esistenti sul territorio regionale sono già a pieno regime e non sono in grado di assorbire ulteriori volumi di rifiuti combustibili e anche i cementifici, che rappresentano un’altra destinazione “naturale”, sono chiusi. In questo contesto emergenziale la discarica di Terranuova Bracciolini, pur con i limitati volumi residui, rappresenta un presidio ambientale indispensabile".

"La nuova ordinanza della Regione Toscana (n. 25 del 6 aprile 2020), per non interrompere il servizio di raccolta differenziata dei rifiuti urbani e degli speciali, autorizza l’aumento della capacità di stoccaggio temporaneo presso gli impianti di selezione dei rifiuti da trattare o avviare a recupero, ma allo stesso tempo, per evitare pericolosi 'colli di bottiglia', consente di dirottare in discarica il surplus. Csai e il suo personale hanno continuato a lavorare per garantire la continuità operativa e la qualità del servizio al territorio e ai cittadini in questi momenti di emergenza Covid 19 senza per questo derogare alle norme della sicurezza dei lavoratori e agli standard ambientali".

"Per una buona parte dei dipendenti è stato già da tempo applicato lo “smart working” con il lavoro da remoto mentre per gli operatori in impianto sono stati potenziati i protocolli e le misure di sicurezza. Tutto il nostro personale è sempre stato opportunamente formato sul rischio microbiologico ed è dotato dei DPI necessari. Per tutti è stata inoltre predisposta una polizza assicurativa specifica a tutela della salute, che prevede un pacchetto di misure integrative e indennità per eventuali giorni di ricovero e per la convalescenza, oltre all’attivazione di una serie di prestazioni per l’assistenza post ricovero a sostegno sia dei dipendenti che dello loro famiglie. Continuare a lavorare, pur nel clima di preoccupazione che riguarda l’intero Paese, è stato frutto dell’impegno e della partecipazione di tutti ed è per questo che Csai ha deciso anche di non procedere con la richiesta di attivazione della Cassa Integrazione per non incidere in alcun modo sulla remunerazione dei suoi dipendenti. E questo nonostante la sensibile riduzione dei flussi dei rifiuti assimilati e degli speciali conseguente allo stop delle aziende".

Csai conclude. "A conferma dell’impegno nel garantire elevati standard e prestazioni nonostante la pandemia Covid 19, Csai Spa ha appena ottenuto la convalida, dopo l’audit di questi giorni da parte dei verificatori della società accreditata SGS Italia, della certificazione UNI EN ISO 14001 relativa al sistema di gestione ambientale".

Cronaca

 
comments powered by Disqus
Julian Carax
Un.Dici
Allora, c’era una volta un pipistrello in Cina. Anche se ...
Roberto Riviello
Controcorrente
Quarant’anni fa, a Milano, moriva ammazzato Walter ...