10.02.2015  17:38

Chiusura uffici postali: assemblea pubblica a Pieve a Presciano, obiettivo comune salvare il servizio. Nei prossimi giorni la raccolta firme

di Federica Crini
Ieri sera assemblea dei cittadini della frazione insieme al sindaco Simona Neri per fare il punto sulla vicenda: unanime la volontà di opporsi alla chiusura dell'ufficio postale. Inizia in questi giorni la raccolta firme


Un’assemblea partecipata e compatta contro la chiusura dell’ufficio postale di Pieve a Presciano. Ieri sera i residenti della frazione si sono incontrati con il sindaco Simona Neri per fare il punto sulla vicenda, essere informati sulle novità e su come reagire alla decisione di Poste Italiane, in un paese che già più di dieci anni fa si era ritrovato ad affrontare l’ipotesi di chiusura del servizio. Presenti anche alcuni responsabili locali di banca Monte dei Paschi e la direttrice della filiale di Pergine.
 
“Avevo provato a invitare anche un rappresentante di Poste, ma senza risultato. Ho provveduto a mettermi in contatto con le altre amministrazioni, i sindacati, l’Uncem: tutti solidali e uniti per un problema molto sentito, che come sapete riguarda altri comuni del Valdarno e della Toscana” – ha spiegato la prima cittadina – “Non sarà facile perché abbiamo a che fare con le politiche aziendali di una società privata. Ma dobbiamo puntare sulla ricchezza del nostro comune, delle attività ricettive e agricole, sul fatto che siamo un comune in crescita e il taglio della posta sarebbe penalizzante per i cittadini, i turisti e la realtà economica della zona”.
 
“La nostra è una piccola frazione rispetto ad altre, ma è un servizio fondamentale, soprattutto per le fasce più deboli che hanno difficoltà a spostarsi. Da quando abbiamo saputo la notizia ci stiamo muovendo su tutti i fronti possibili per evitare la chiusura. Stiamo assistendo progressivamente a una centralizzazione dei servizi che crea sempre più disagi”. La parola è passata anche ad alcuni partecipanti all’assemblea, al consigliere di opposizione Chiara Legnaiuoli, che ha esortato a presentare proposte costruttive senza mostrarsi pessimisti sull’obiettivo da raggiungere, e all’altro capogruppo di minoranza Matteo, sottolineando la condivisione dell’obiettivo e l’invito a essere uniti sulla questione.
 
Durante la serata è stata portata alla luce l’ipotesi di una possibile richiesta per uno sportello bancomat nella frazione, sia come servizio aggiuntivo allo sportello postale, sia come possibile mezzo di concorrenza per “intimorire” Poste. La proposta era già stata rilanciata anche negli anni passati, ma aveva portato a una divisione di opinioni tra chi la riteneva un’opportunità e tra coloro che la consideravano un rischio che poteva portare alla perdita di entrambi i servizi, quello postale e quello bancario.

I residenti della frazione porteranno avanti in questi giorni una raccolta firme, mentre il sindaco Neri si farà portavoce della contrarietà della comunità alla chiusura nei prossimi incontri istituzionali, insieme agli altri primi cittadini del Valdarno e della Toscana interessati dalla questione.
 
Aggiornamenti
Più di una settimana fa
La delusione del sindaco di Pergine dopo l'incontro con la Direttrice provinciale di Poste
Questo il commento rilasciato poco fa dal sindaco di Pergine Simona Neri dopo l'incontro di oggi pomeriggio ad Arezzo con la Direttrice provinciale di Poste: "Il Presidente del Comitato Pievigiano ed io ci siamo purtroppo imbattuti su un muro di gomma. La sostanza del nostro colloquio è stata che la filiale provinciale non è un interlocutore, che a questo livello si applicano solo direttive superiori. E' stato invano anche il nostro tentativo di offrire un maggior numero di conti correnti o una sede gratis all'Azienda: abbiamo chiesto alla Direttrice quali fossero i parametri che potessero riallinearci agli standard di razionalizzazione dell'Azienda. Sono scritti sul "Decreto Scajola" che individua parametri del tutto indipendenti dal quantitativo di moneta depositata, parametri esclusivamente geografici. Io non accetto che un Ufficio Postale venga chiuso da un qualche dirigente romano che non conosce nemmeno il nostro territorio, che non conosce la storia e le battaglie dei suoi cittadini, le sue risorse economiche, le sue prospettive di sviluppo, le sue aziende ed i suoi punti di forza. Non accetto una razionalizzazione sulla base di criteri di prossimità geografica e senza spiegazioni valide che esulino dalla sterile revisione della spesa aziendale. Le Leggi si cambiano quando vanno a discapito di una popolazione isolata. Le leggi si cambiano quando mettono in difficoltà gli anziani. Prima la scuola a Pieve a Presciano, poi la scuola a Montalto, poi le Poste. Il nostro Comune non è pronto alle centralizzazioni, il nostro Comune non viene neanche raggiunto dai mezzi pubblici delle Circolari del Valdarno. Il nostro Comune non può permettersi di offrire un Trasporto Pubblico Locale. La nostra battaglia andrà avanti con la raccolta firme, con la presentazione del nostro rapporto al Prefetto. Andrà avanti cercando di costruire alternative. Andrà avanti cercando altri interlocutori. Caro Presidente Rossi, spero che domani, insieme ai 62 Sindaci toscani, riusciremo ad evidenziare il problema su larga scala e ad elevarlo, visto che il livello della discussione va evidentemente portato su un piano diverso".
Più di una settimana fa
Aggiornamento
Intanto domani mattina i sindaci dei territori interessati sono in Regione per un incontro con il Presidente Enrico Rossi. Il sindaco e il vicesindaco di Cavriglia hanno anche appuntamento con il responsabile regionale di Poste Italiane

Cronaca

 
comments powered by Disqus