13.10.2020  17:02

Chiusura dell'area tamponi al Serristori, monta la protesta. Il Comitato all'attacco: "È la disfatta della politica"

di Glenda Venturini
Il Comitato Salvare il Serristori parla di una vera e propria "Caporetto della politica, alla luce del silenzio dei sindaci del Valdarno fiorentino e del loro referente neopresidente Eugenio Giani"


commenti

Leggi i Dossier:  Il destino incerto del Serristori

Data della notizia:  13.10.2020  17:02

La chiusura dell'area tamponi Covid al Serristori diventa "una vera e propria Caporetto della politica": è l'accusa del Comitato Salvare il Serristori, che dopo aver atteso invano le dichiarazioni dei rappresentanti locali delle istituzioni, ora va all'attacco. "Prima di prendere posizione pubblicamente abbiamo atteso inutilmente cinque giorni nella speranza che i sindaci del Valdarno fiorentino e il loro referente regionale, il neopresidente Giani, esprimessero una critica nei confronti dell’Azienda sanitaria Toscana Centro".

La Asl, ricorda il Comitato, "ha smantellato l’area tamponi all’ospedale di Figline, con il conseguente trasferimento a Ponte a Niccheri di 12 operatori sanitari. Una decisione che ha inflitto agli utenti del presidio valdarnese l’ennesimo disagio, obbligandoli a pazientare in attesa del trasferimento a Firenze dei tamponi eseguiti al pronto soccorso e il loro successivo esame in un altro ospedale. Oltretutto lo smantellamento dell’area tamponi al Serristori arriva nel momento in cui il Comune di Figline e Incisa e i territori limitrofi stanno registrando nuovi picchi di positività al Covid-19".

"A questo punto - commenta il Comitato - non ci resta che prendere atto della grave situazione che si è determinata. Il silenzio dei sindaci, e anche di Giani, non è solo inconcepibile sul piano politico, visto le reiterate promesse elettorali a sostegno del Serristori, ma rappresenta una vera Caporetto sul piano della difesa delle funzioni dell’ospedale di Figline, intese come servizio pubblico ai cittadini. Se gli amministratori, ad ogni livello, rimangono muti di fronte a questa ennesima offesa alla sanità pubblica locale, significa che la politica ha già alzato bandiera bianca, abbandonando le sorti del Serristori. Di questa resa incondizionata a logiche davvero incomprensibili, nella situazione sanitaria in cui si trova il Paese, ne risponderanno di fronte al giudizio politico dei cittadini".

Politica / Sociale

 
comments powered by Disqus