23.08.2012  15:01

Bucine, Laterina e Pergine: l'Unione dei comuni "dei tre colli" è già realtà. Ecco come funzionerà il nuovo soggetto istituzionale

di Genny Pasquino
I tre consigli comunali hanno approvato il regolamento e l'atto costitutivo. Due le sedi del nuovo ente: quella istituzionale a Pergine, quella amministrativa a Laterina. Il primo presidente sarà Sauro Testi. Ecco l'elenco delle funzioni che saranno svolte in modo associato


commenti

Data della notizia:  23.08.2012  15:01

Esercitare congiuntamente una pluralità di funzioni e servizi ottimizzando i costi. È questo l'obbiettivo della neonata Unione dei Comuni dei Tre Colli, il nuovo soggetto istituzionale che nasce dalla collaborazione di Bucine, Pergine e Laterina. I rispettivi Consigli comunali hanno approvato, infatti, lo Statuto e l'Atto Costitutivo dell'Unione dei Comuni: un provvedimento che costituisce il risultato di una azione condivisa dalle tre amministrazioni che mira all'applicazione di un sistema di governance partecipata. 

La sede istituzionale dell’Unione è individuata presso il Comune di Pergine, mentre quella legale ed amministrativa è stabilita presso il Comune di Laterina. ​Il consiglio sarà composto da un esponente della maggioranza e uno dell'opposizione per ciascuno dei tre consigli comunali di Bucine, Pergine e Laterina; la giunta è composta dai tre sindaci, che tra l'altro si alterneranno, a rotazione, assumendo anche l'incarico di presidente ogni due anni. Ad iniziare sarà Sauro Testi, sindaco di Bucine. 

In pratica, la collaborazione tra i tre enti consisterà nell'esercizio congiunto di più funzioni e nella gestione associata di una serie di servizi. Un'operazione, quella di associare le cosiddette funzioni fondamentali, che i due comuni più piccoli, Pergine e Laterina, hanno messo in atto già nell' ultimo biennio. Un passo obbligatorio per i due comuni inferiori ai 5 mila abitanti, imposto dalle disposizioni sul riordino degli enti locali. Un'opportunità offerta dalla legge, invece, per Bucine.

L'Unione dei Comuni dei tre colli - recita lo Statuto - adotta la partecipazione come metodo essenziale per il raggiungimento dei propri scopi in conformità agli statuti comunali, promuove e tutela la partecipazione dei cittadini, singoli o associati, all'amministrazione al fine di garantire  l'imparzialità e la trasparenza. Nello specifico, lo Statuto prevede oltre all' esercizio in forma unificata delle funzioni obbligatorie, anche la gestione associata, tramite apposite convenzioni di altri servizi: il personale, l'Ufficio Tributi, i servizi sociali e RSA, i lavori pubblici, l'Ufficio urbanistica, lo sportello unico per le attività produttive e altro ancora.

In attesa di nuovi sviluppi sul fronte dell'organizzazione territoriale, dunque, e mentre si apre il 'fronte fiorentino' e l'ipotesi di accorpamento del Valdarno all'area metropolitana, intanto l'Unione dei comuni dei Tre Colli, dà forma al "patto" che coinvolge insieme a Pergine e Laterina anche Bucine. L'obiettivo più ampio, anche per questi tre comuni, sarebbe quello di costituire in futuro una Unione dei Comuni dell'Alto Valdarno, che però ha già incontrato un forte rallentamento nel fondovalle. E chissà che nel frattempo qualcuno degli altri comuni valdarnesi non 'scivoli' verso Firenze, rendendo vana l'ipotesi di una "Valdarnia" aretina. 

Politica

 
comments powered by Disqus
Roberto Riviello
Controcorrente
Il presidente dell’Europarlamento Tajani si è lasci...
Julian Carax
Un.Dici
“Ti racconto una storia: il volo dell’Aquila” è una trasm...