10.10.2018  16:28

Bonifica, in Valdarno cantieri completati al 70%. Il Consorzio a confronto con le Amministrazioni comunali

di Glenda Venturini
Il punto relativo allo stato di attuazione del programma di interventi (anno 2018), curato dal Consorzio Alto Valdarno sui corsi d'acqua valdarnesi: i risultati sono stati illustrati ai sindaci della vallata.


commenti

Data della notizia:  10.10.2018  16:28

Sono completi al 70% circa i lavori di manutenzione ordinaria previsti sul reticolo idraulico del Valdarno: il bilancio è del Consorzio Alto Valdarno ha programmato un fitto calendario di incontri con i sindaci e gli amministratori delle aree che compongono il comprensorio, per discutere con loro necessità, urgenze e interventi da programmare per il 2019.

Le “consultazioni” sono partite questa settimana interessando tutti i comuni del Valdarno, una delle vallate più complesse e delicate dal punto di vista morfologico ed idrogeologico. Ad illustrare la situazione, il Presidente Paolo Tamburini, il Direttore Generale Francesco Lisi e la responsabile del settore difesa Idrogeologica Ingegner Serena Ciofini, che si sono confrontati con i Sindaci ed i rappresentanti di tutti i comuni dell’area. L’occasione è servita, oltre che per raccogliere nuove indicazioni,  per presentare lo stato di attuazione dell’attività pianificata per il 2018.

"Se si escludono i tre lotti ancora in fase di assegnazione o di approvazione, oggi lo stato di attuazione medio ha superato il 71 per cento, con cinque lotti su quindici già del tutto completati", hanno spiegato. Tra questi figurano il piano degli sfalci e dei tagli selettivi che ha interessato, nel Valdarno aretino, Montevarchi, Terranuova, Cavriglia, Bucine, Castelfranco Piandiscò, e, nel versante fiorentino, Figline e Incisa per un importo complessivo che sfiora i 171 mila euro; la rimozione dei sedimenti dal Borro di Spedaluzzo, cofinanziata dal comune di Montevarchi e costata complessivamente circa  51 mila euro; la sistemazione delle opere e gli espurghi dei corsi d’acqua di Figline-Incisa Valdarno, Rignano e Reggello per un investimento che supera i 107 mila euro.

Sono in dirittura d’arrivo gli interventi di diradamento della vegetazione su altri corsi d’acqua di Montevarchi, San Giovanni, Cavriglia e Figline e Incisa: operazione da oltre 154 mila euro completata al 90 per cento. A buon punto la manutenzione dell’Arno nel comune di San Giovanni: il 75 per cento dell’intervento da 132.500 euro è fatto. È a metà invece la “cura” dei corsi d’acqua della Valdambra su cui il Consorzio ha investito circa 130.000 euro, e sempre al 50% è anche il lavoro di rimessa in forma di alcuni tratti del reticolo idrografico di Terranuova, Loro Ciuffenna e Castelfranco Piandiscò, a cui è stato destinato un importo di oltre 151 mila euro. A questo si aggiunge il restyling da 164.500 euro  che a Montevarchi, San Giovanni, Figline e Incisa, Rignano e Reggello, ha già superato il giro di boa.

È partito da poco invece il lotto da 92 mila euro, per il ripristino delle opere e la rimozione dei sedimenti in alcuni punti del territorio di San Giovanni, Terranuova, Castelfanco Piandiscò. Infine sono in fase di assegnazione i lavori da 42 mila euro per contenere la  vegetazione che invade alvei e sponde nei comuni di Terranuova e Loro Ciuffenna e i tagli selettivi sull’argine leopoldino dell’Arno tra San Giovanni e Montevarchi, per una spesa di quasi 74 mila euro.

Soddisfatto il Presidente Tamburini: “Gli Amministratori comunali riconoscono al Consorzio efficienza e professionalità e lo considerano un punto di riferimento strategico per  la difesa idrogeologica del territorio. Un ottimo punto di partenza per l’Alto Valdarno che, da un lato, continuerà a lavorare per migliorare la sua organizzazione interna e per dare risposte sempre più rapide ed efficaci, dall’altro, si impegnerà in un  confronto costante con i comuni, importanti partner per una gestione corretta e attenta dei corsi d’acqua e della sicurezza del territorio. L’iniziativa ci è servita anche per raccogliere importanti indicazioni per mettere a punto il nuovo piano delle attività 2019 che deve essere sempre più aderente alle attese dei cittadini”.

 

Cronaca / Economia

 
comments powered by Disqus
Roberto Riviello
Controcorrente
L’approssimarsi delle elezioni europee ha riacceso ...
Julian Carax
Un.Dici
“Vorrei scrivere qualcosa di poco banale sull’ultima fati...
Alessio Bigini
Alessio Bigini Software/Electro Lab
Ciao a tutti, in questo articolo andremo a recensire un n...