17.07.2019  13:58

Bekaert, incontro al Mise. La società: "Passi avanti per reindustrializzazione e ricollocamenti"

di Monica Campani
"Due le ipotesi più rilevanti su cui si sta lavorando per riavviare la produzione. Impegno comune per dare continuità occupazionale ai lavoratori"


Incontro al Ministero dello sviluppo economico sulla Bekaert: presenti Giorgio Sorial, vice capo di Gabinetto del Ministro Luigi Di Maio, i sindacati, il sindaco di Figline Incisa Giulia Mugnai, Paolo Tedeschi per la Regione Toscana, una delegazione del gruppo Bekaert. Al centro dell'incontro il piano per la reindustrializzazione del sito figlinese.

La prima a intervenire alla fine della riunione è stata la società: "Le attività di ricerca e selezione di possibili soggetti reindustrializzatori, tutt’ora in corso anche con il supporto del Mise e dell’unità di coordinamento Attrazione Investimenti Esteri di ICE-ITA (Italian Trade Agency), hanno prodotto molteplici contatti, con alcune concrete possibilità di reindustrializzazione. Tra le ipotesi più rilevanti su cui si sta lavorando (di concerto col Mise e Invitalia) quella di un’azienda italiana, attiva nel settore delle lavorazioni metalliche, che ha presentato un piano industriale per la produzione a Figline di “filo di tubo” con la previsione di assumere nel primo anno di attività 90 lavoratori Bekaert, numero che si vorrebbe poi portare a crescere nel triennio successivo. Confermato anche l’interesse ad una reindustrializzazione della multinazionale Bielorussa BMZ, con la quale proseguono fitti contatti informativi a tutti i livelli, propedeutici alla presentazione del piano industriale".

"Le ulteriori attività di ricerca e supporto per i lavoratori interessati, finalizzate alla loro continuità occupazionale, sono, oltre alla reindustrializzazione, il ricollocamento attivo, l’outplacement e la riqualificazione. Sul fronte del ricollocamento attivo dei lavoratori (a condizioni incentivate a favore dei datori di lavoro, aggiuntive oltre a quelle di legge), sono state intercettate sin ora 193 offerte di lavoro compatibili con i profili dei lavoratori, di cui 39 ancora disponibili, e sta proseguendo il matching tra domanda e offerta e il lavoro volto a facilitare e gestire gli incontri conoscitivi tra azienda e lavoratori. I distaccati o ricollocati presso altre aziende sono attualmente 52, mentre per altri 8 è in corso l’iter di attivazione del distacco o si è in attesa dell’esito del colloquio o dell’assunzione".

Cronaca / Politica / Economia

 
comments powered by Disqus