17.07.2013  15:37

Assemblea a Pietraviva sulle novità dello sportello “Ecco fatto”: servizio attivo da settembre

di Federica Crini
Martedì sera incontro con i cittadini della frazione di Bucine: a dicembre la chiusura dell’ufficio postale che rientrava nel piano dei tagli in Toscana che ha coinvolto altri cinque uffici in Valdarno. Il nuovo servizio sostitutivo sarà aperto a settembre con due ragazzi selezionati trmaite bando del servizio civile, le cui selezioni sono in corso in questi giorni


commenti

Data della notizia:  17.07.2013  15:37

Ieri sera si è svolto un incontro aperto alla cittadinanza a Pietraviva, per aggiornare i residenti sull’apertura dello sportello “Ecco fatto”, il progetto della Regione Toscana e di Uncem in seguito alla chiusura degli uffici postali in alcuni piccoli centri abitati della regione, tra cui la stessa frazione del comune di Bucine.
 
Presente il sindaco Testi e Oreste Giurlani di Uncem, il quale ha confermato l’apertura del nuovo servizio a settembre, forse già entro le prime due settimane del mese. Inoltre è stato effettuato l’ultimo sopralluogo nei locali del precedente ufficio postale, già predisposti per ospitare il nuovo sportello.
 
Due giorni fa si è chiuso il bando del servizio civile della Regione per la ricerca di due ragazzi da impiegare in ognuno degli sportelli attivati: in questi giorni sono in corso l’analisi delle candidature e le selezioni. I due giovani scelti lavoreranno per 30 ore settimanali. “Ecco fatto” metterà a disposizione della cittadinanza servizi comunali, sarà un punto informazioni e sarà possibile pagare i bollettini postali.
 
Per quanto riguarda le pensioni, il sindaco di Bucine ha precisato che la questione è diversa dai bollettini: in attesa di eventuali soluzioni o accordi tra Regione e banche, i ragazzi del servizio civile avranno un’autovettura a disposizione per accompagnare gli anziani non autosufficienti a ritirare la pensione presso l’ufficio postale più vicino, ad Ambra o Bucine.
 
Infine, durante l’assemblea, Giurlani ha presentato anche un nuovo progetto da poter attivare in questi sportelli: si tratta di “La bottega della salute”, per unire un servizio di socio-assistenza, in modo da permettere, per esempio, le prenotazioni di esami o visite specialistiche tramite sportello Cup.

Cronaca

 
comments powered by Disqus
Julian Carax
Un.Dici
Non è da tutti — almeno a queste latitudini — il privileg...
Roberto Riviello
Controcorrente
Esce a gennaio il nuovo film di Checco Zalone, Tolo Tolo,...