09.05.2016  13:39

Arrestato per violenza sessuale medico del Serristori. In tutto sette i casi

di Monica Campani
L'uomo, 60 anni, specializzato in ginecologia ma operante anche come medico chirurgo, lavorava nell'ospedale figlinese e in strutture private. Adesso è agli arresti domiciliari. Le violenze tra il 2014 e il 2015


commenti

Data della notizia:  09.05.2016  13:39

Approfittava della propria professione per commettere atti sessuali sulle pazienti. Per questo con l'accusa di violenza sessuale aggravata e continuata i carabinieri della compagnia di San Giovanni e del  comando provinciale di Arezzo hanno arrestato un medico che lavorava all'ospedale Serristori di Figline e in strutture private di Firenze. L'uomo, 60 anni, fiorentino, ha una specializzazione in ginecologia e ostetricia ma operava anche come medico chirurgo. Adesso si trova agli arresti domiciliari.

In tutto sette sono stati i casi accertati tra il 2014 e il 2015. Cinque violenze sono state commesse all'ospedale figlinese, due in ambulatori privati.  Per uno è intervenuta la polizia di Firenze.

Il medico facendo leva sulla propria professione infondeva fiducia nelle pazienti che doloranti e bisognose di cure si rivolgevano a lui: venivano fatte spogliare ed utilizzando manovre definite “terapeutiche” strofinava i propri genitali sulle donne simulando atti sessuali attraverso anche il palpeggiamento di parti intime. In un caso è stato accertato che il medico ha somministrato alla paziente un farmaco narcotizzante per limitarne la reattività.

La maggior parte dei casi sono stati accertati durante l’orario di servizio ospedaliero e nonostante la presenza, in zone attigue, di colleghi di lavoro ed altri pazienti presenti in ospedale in quel momento.

Il Gip del  Tribunale di Firenze, dopo l'inchiesta portata avanti dai carabinieri e dalla polizia sulla scia delle denunce ricevute e coordinata dal sostituto procuratore di Firenze Ornella Galeotti, ha disposto per il medico la misura cautelare degli arresti domiciliari.

 

Cronaca

 
comments powered by Disqus