21.07.2015  17:45

Ancora disagi e vagoni senza aria condizionata: i pendolari decidono di spogliarsi, mentre è polemica per i controlli

di Eugenio Bini
Proseguono i disservizi sui treni del Valdarno: molti vagoni senza aria condizionata e un treno cancellato. Alcuni pendolari decidono di spogliarsi e il portavoce dei pendolari Maurizio Da Re polemizza sui controlli: "Gli ispettori devono verificare i climatizzatori quando i treni sono in viaggio, non solo in stazione".


Foto pubblicata da Marco Fratini sulla pagina facebook del comitato pendolari Valdarno Direttissima
Proseguono i disagi per i pendolari valdarnesi. Dopo l'incidente di ieri, con la perdita dell'anta di una porta di accesso di un treno Jazz, all'interno della galleria di San Donato, ancora disagi e carrozze roventi.

Anche oggi ritardi, treni soppressi e mancanza di aria condizionata. La pagina facebook del comitato pendolari Valdarno Direttissima riporta, come ormai avviene da molti giorni, tantissime segnalazioni. 

“Treno 2314 nemmeno una carrozza con aria condizionata ci saranno 40 gradi: da sentirsi male” sottolinea una pendolare. “Treno 2313 delle 15:15 senza aria condizionata in tutte le carrozze ieri e oggi. È una vergogna” sottolinea un utente che fotografa ragazzi senza maglietta all’interno del treno: del resto è l’unico modo per resistere alle temperature roventi, causate anche dai finestrini chiusi. E le foto vengono condivise su facebook, con il portavoce Maurizio Da Re che invita i pendolari a condividere ogni singolo disservizio e che intanto polemizza per i controlli in stazione degli ispettori regionali: "Per avere sicurezza sulla funzionalità dei climatizzatori il controllo dovrebbe essere a treno già in movimento”.

Altre due viaggiatrici hanno invece optato per i siberini: “22313 da Firenze a Roma nuovo metodo di aria condizionata. Nessuna carrozza con aria presente”. Cancellato inoltre il treno regionale da Prato Centrale a Montevarchi: a Campo di Marte doveva partire alle 16 e 01, ma è stato bloccato in stazione per un guasto al locomotore.
 

Cronaca

 
comments powered by Disqus