23.02.2014  11:15

Anatomia patologica, dopo il punto fatto dalla Asl8 interviene Carbini sulla posizione del sindaco VIligiardi

di Monica Campani
Il consigliere dei Riformisti torna sul trasferimento dell'unità dal monoblocco della Gruccia al San Donato di Arezzo. "Il sindaco Viligiardi comprende e giustifica la motivazione anche economica della decisione"


commenti

Data della notizia:  23.02.2014  11:15

I chiarimenti forniti dalla Asl8, dopo l'incontro con il presidente della conferenza dei sindaci Maurizio Viligiardi, sul trasferimento di anatomia patologica dal monoblocco della Gruccia al San Donato di Arezzo non hanno convinto il capogruppo dei Riformisti in consiglio comunale a San Giovanni. Francesco Carbini, che aveva richiesto una presa di posizione netta da parte di tutte le istituzioni, critica la posizione assunta dal sindaco Viligiardi.

"Dopo le battagliere e baldanzose dichiarazioni di qualche giorno fa il sindaco VIligiardi ora comprende e giustifica la motivazione anche economica della decisione", afferma Carbini.

"A questo punto sorgono alcuni dubbi: se qualche giorno fa, apprendendo la notizia dalla stampa, Viligiardi era indignato e deciso a combattere, cosa è cambiato? Non vorremmo che la Asl8 abbia semplicemente ribadito argomentazioni note da tempo ma alle quali il sindaco di San Giovanni nonchè presidente della conferenza dei sindaci non aveva dato il giusto peso tanto da dimenticarsene. Con quale sufficieenza si pensa di dichiarare battaglia e poi dopo un incontro spiegare la scelta di depotenziare la struttura? Ma dove era Viligiardi quando i sindaci parlavano con la Asl8?".

"Riteniamo che questa sia l'ennesima vicenda dalla quale San Giovanni e il Valdarno siano usciti con le ossa rotte. Il sindaco Viligiardi, anche in qualità di presidente della conferenza dei sindaci, ha dimostrato di non essere adeguatamente, tempestivamente ed esaustivamente informato e non è riuscito neanche a tentare di combattere, come da lui stesso annunciato, per difendere l'anatomia patologica dell'ospedale della Gruccia. Il trasferimento è ormai un fatto certo e acclarato".

Poi Francesco Carbini conclude:

"Infine sarebbe interessante capire
come mai non sia stato fatto alcun cenno alla situazione del reparto di ginecologia. Su questo argomento sarebbe utile sapere come evolveranno le cose magari con un pò di anticipo, per poi non ritrovarsi tra qualche mese di fronte a qualcosa di spiacevole come il trasferimento del primario o il trasferimento ad Arezzo degli interventi programmati".
 

Politica / Sociale

 
comments powered by Disqus