Tutti in piazza per i lavoratori della Bekaert

di Monica Campani
E' la serata del corteo e della manifestazione istituzionale a sostegno dei 318 lavoratori dello stabilimento figlinese a cui la multinazionale belga ha annunciato la chiusura. Il Valdarno aretino e fiorentino compatto sfila e manifesta accanto ai dipendenti. ENTRA PER SEGUIRE LA DIRETTA STREAMING


Ultimo aggiornamento:  29.06.2018 h 22:35

commenti

E' la serata del corteo e della manifestazione istituzionale a sostegno dei 318 lavoratori dello stabilimento figlinese a cui la multinazionale belga ha annunciato la chiusura. Il Valdarno aretino e fiorentino compatto sfila e manifesta accanto ai dipendenti. ENTRA PER SEGUIRE LA DIRETTA STREAMING

Giulia Mugnai, sindaco Figline Incisa - 22:35
Chiude la serata e la manifestazione ringraziando tutti
Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana - 22:32
"Sono certo che ce la faremo. Trovo straordinaria questa partecipazione. Conta il legame tra la classe operaia, i commercianti, la scuola, i professionisti. Su una partita come questa chi fa il presidente di Regione ha il dovere di scommettere fino in fondo. IO lo faccio".
Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana - 22:30
"Io sono per l'Europa, ma un'Europa che mette un operaio contro l'altro che Europa è?"
Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana - 22:27
"Si sospendano i licenziamenti per aprire le trattative. Noi chiederemo che venga ripresa la produzione. Qui un mercato esiste quindi avete diritto di discutere le condizioni di competitività per andare avanti. Bisogna chiedere una risposta certa"
Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana - 22:23
"All'incontro a Roma ci siamo trovati davanti solo a un funzionario. Giovedì io lo voglio un rappresentante del Governo per rispetto dei cittadini, della Toscana e delle istituzioni. Non c'era l'azienda: il Governo deve pretendere che ci sia. Deve telefonare al primo ministro belga. Noi non scherziamo: chiediamo che il Governo faccia fino in fondo la sua parte. Deve chiamare in causa la Pirelli".
Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana - 22:20
"Quando c'è una combattività così forte significa che sono deboli gli altri e siete forti voi. Mantenete questa forza e rimanete uniti. Chi ha colpito e prodotto ferite ha pensato che ormai la classe operaia nel nostro paese fosse piegata e incapace di reagire. Invece c'è un elemento insopprimibile nelle persone è la vostra forza. Hanno fatto male i conti e se ne renderanno conto nei prossimi giorni. Io sento tutta la responsabilità di essere qui stasera. IO sarò con voi in ogni vostro passo fino alla vittoria"
Davide Materazzi, Uilm - 22:19
"Vogliamo che i nostri parlamentari portino la questione in Europa"
Davide Materazzi,Uilm - 22:13
"Non stiamo combattendo un padrone. Magari. Un padrone l'azienda la costruisce, la ama. Qui non c'è un padrone. A dare la notizia della chiusura non è stato il padrone ma un emissario. Il Governo deve essere al nostro fianco. Questo è un affronto al Governo: portano via una tecnologia nata qui"
Daniele Calosi, segretario regionale Fiom Cgil - 22:10
"I dirigenti sono scappati, i lavoratori sono rimasti". "Noi vogliamo la trattativa. Noi la vogliamo questa fabbrica. Il diritto al lavoro non ha prezzo. Questa è una vicenda enorme a livello regionale. Stasera una comunità inter si è stretta intorno a una fabbrica come da anni n on accadeva in questa provincia".
22:09
Intanto arrivano le stime della manifestazione: 5.000 le persone che hanno partecipato
Daniele Calosi, segretario regionale Fiom Cgil - 22:07
"La dirigenza venerdì mi ha telefonato per dirmi 'Tra esattamente 30 minuti ai lavoratori di Figline verrà consegnata la lettera con la quale si annuncia la chiusura dello stabilimento'. Poi scappano scortati dai carabinieri. I lavoratori sono rimasti"
Alessandro Beccastrini, segretario regionale Fim Cisl - 22:06
"Noi non ci faremo chiudere lo stabilimento di Figline. Il Governo si attivi a partire dal 5 luglio"
Alessandro Beccastrini, segretario regionale Fim Cisl - 22:01
"Con la multinazionale io credevo che avremmo perso la storia dello stabilimento. Ma Bekaert vuole portare via l nostra storia e il nostri futuro. Noi sindacati abbiamo preteso tre anni di garanzia. Pirelli non si può dimenticare di questi lavoratori e di questa fabbrica. Pirelli, maggior cliente Bekaert, deve prendersi questa responsabilità. Da quando la direzione se ne è andata i lavoratori hanno fatto una cosa encomiabile: responsabilmente hanno sigillato e preservato lo stabilimento"
Alessandro Beccastrini, segretario regionale Fim Cisl - 21:58
"La Pirelli era un gioiello per lo steel cord. Qui c'era e c'è il centro ricerca e sviluppo che ha costruito una tecnologia importantissima alternativa a quella di Bekaert. Questa tecnologia si sviluppava solo a Figline".
Giuliano Poggialini, Uilm - 21:57
"Ho visto anche molta solidarietà. HO anche visto impegno, coraggio, voglia di lottare verso questa multinazionale che ci vuole vedere sprofondare. Ci batteremo con tutte le nostre forze per il futuro nostro e dei nostri figli"
Giuliano Poggialini, Uilm - 21:54
"Grazie per essere qui e per la solidarietà che ci state dimostrando. Vogliono toglierci tutto. Vergogna. Non siamo numeri. Abbiamo anche una funzione sociale che l'azienda non deve ignorare. HO visto persone di 50 anni piangere, disperarsi per le loro famiglie"
Giovanni Tarchi - 21:51
Con la voce ancora commossa Giovanni continua:"Voglio ringraziare gli abitanti di Figline per la solidarietà. Vi chiedo un ulteriore aiuto: il 5 agosto chiuderemo per ferie. Dovrem o fare un po' di presidio: venite a farci compagnia?"
Giovanni Tarchi - 21:49
"Il 22 giugno è finito tutto. Abbiamo vissuto un momento surreale. Quando sono tornato in fabbrica e ho detto ai colleghi che si chiude non volevano crederco. Sono arrivate mamme, moglie, figli con le lettere di licenziamento. Un atto disumano. Questi signori sono scappati come i peggiori vigliacchi".
Giovanni Tarchi, Fiom Cgil - 21:47
"Il nostro è un lavoro che si svolge a turni continuativi, sabato e festivi. Per questo il rapporto con i colleghi è una famiglia allargata". Tarchi si commuove. "Ho sentito tanti colleghi dire che quello che mancherà di più è proprio i rapporti tra noi".
Gino Turrini,Fim Cisl - 21:44
"Non vogliamo le mance, chiediamo il ritiro dei licenziamenti collettivi. Bekaert riparta con la produzione oppure metta in vendita lo stabilimento oppure reindustrializzi il sito. Alla fine vinceremo grazie questa piazza e grazia a tutto il Valdarno"
Gino Turrini,Fim Cisl - 21:42
"Ci avete fatto commuovere. Grazie a tutti". Turrini racconta la storia del passaggio da Pirelli a Bekaert.
21:41
"Non ci arrendiamo. Da questa piazza chiediamo questo: che ci sia lavoro, futuro, dignità"
21:39
"Davanti alle storie dei lavoratori non ci possiamo arrendere. I prossimi giorni son o quelli della lotta di tutti, unitaria e trasversale. La dobbiamo fare per dire a questi lavoratori che un futuro c'è. Chiediamo tutti dignità, lavoro, futuro perchè quello stabilimento deve essere il futuro della nostra comunità"
Il sindaco Giulia Mugnai - 21:36
Il corteo è entrato in piazza. Sul palco ha perso la parola il sindaco di Figline Incisa Giulia Mugnai che ha ringraziato tutti i presenti. "In una mattina la Bekaert ha deciso di cancellare la storia dello stabilimento. Una decisione disumana.

 

 

 
comments powered by Disqus